Milano-Varese, è il derby della paura

Le due grandi lombarde appiattite in fondo alla classifica. Si gioca a mezzogiorno di domenica, chi vince prende una boccata d'aria. Galanda ci sarà, Capin in dubbio

Un derby così non si era mai visto. Non era davvero mai capitato che Olimpia Milano e Pallacanestro Varese arrivassero al confronto diretto, dopo aver già giocato otto turni di campionato, appiattite e appaiate sul fondo della classifica.

Due vittorie e sei sconfitte a testa, una crisi di identità oltre che di risultati che ha già portato l’Armani Jeans a cambiare gm e allenatore (il contestato Natali e il cervellotico Markovski) e la Cimberio a sconfessare le scelte del mercato estivo (via Hodge, dentro un pivottone per sopperire alle carenze di Melvin).
L’aggravante per Milano, che non deve – sottolineiamolo bene – essere un alibi per De Pol e compagni, è rappresentata dalla partecipazione in Eurolega, macchiata fino a ora da tre sconfitte in altrettante partite, con due cadute sul parquet di casa. L’ultima giovedì sera, contro l’Unicaja Malaga del sogno proibito della panchina Sergio Scariolo e del totem Daniel Santiago, uno che da queste parti conosciamo bene.

Armani Jeans e Cimberio si sfideranno allo scoccare del mezzogiorno ad Assago, e anche qui siamo nelle stranezze volute da Legabasket e tv a pagamento. Di fronte due formazioni che dovranno affrontare la paura prima ancora dell’avversaria. Caja si affida a TJ Watson, il totem infermabile dall’ultima Whirlpool nei playoff, e a Gallinari rientrato dall’infortunio e subito brillante al quasi esordio assoluto in Europa. E poi all’orgoglio di tutti gli altri, già sul banco degli imputati, con Sesay, Gaines e Gadson osservati molto speciali e Katelynas all’esordio con i nuovi compagni,
Mrsic invece incrocia le dita, avento i due perni della squadra Capin e Galanda reduci da problemi fisici. Gek ha smaltito un problemino muscolare e sarà certamente del match, Zapo sarà in dubbio fino all’ultimo e comunque non viaggerà al 100%. Qualche guaio anche per Hafnar, ma anche lui ci sarà. Il nuovo acquisto, Mate Skelin, potrà giocare solo dal prossimo turno.

La storia recente del derby, al di là della bellissima serie dei quarti playoff con Djordjevic e Magnano sulle due panchine, parla a favore dei metropolitani. Da quando è arrivato Armani a sponsorizzare l’Olimpia, Varese ha vinto solo in gara 3 nello scorso maggio. Tre gli ex di turno: De Pol, Galanda e Veljko Mrsic, un breve passato in maglia Pippo nell’anno in cui la tripla di La Rue eliminò clamorosamente Milano dai playoff.

Armani Jeans Milano – Cimberio Varese

Milano: 5 Sesay, 6 Gaines, 8 Gallinari, 9 Bulleri, 10 Aradori, 11 Shaw, 12 Marelli D., 13 Watson, 14 Vukcevic, 15 Katelinas, 16 Gentile, 20 Gadson. All. Caja.
Varese: 4 Passera, 5 Capin (12 Valenti), 6 Hafnar, 7 Marusic, 8 Melvin, 9 De Pol, 10 Galanda, 13 Boscagin, 15 Fernandez, 17 Beck, 19 Mladjan, 20 Babrauskas. All. Mrsic.
Arbitri: Paternicò, Pozzana, Capurro.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Novembre 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.