Cugnasco dice la sua verità su Chiara Poggi

L'ex patron dei cartomanti: "Non ho mai detto che era lei, ma che era una Chiara di Garlasco"

«Ho parlato con Chiara da Garlasco». Non fa marcia indietro, Enzo Cugnasco, il padrone della Magic Star, la società dei cartomanti a cui si sarebbe rivolta Chiara Poggi per denunciare i suoi problemi con il fidanzato Alberto Stasi attraverso Varese Sat. Il risultato è che il delitto di Garlasco, diventato una sorta di show a puntate, come il Festivalbar, per un giorno ha fatto tappa a Varese: lo stesso Cugnasco sarebbe stato anche invitato a una puntata di “Porta a porta”, a cui però non potrebbe partecipare perché si trova a piede libero ma con l’obbligo di non lasciare Varese.

Il patron di Varese Sat ha avuto anche un’intervista con passeggiata in piazza a “la vita in diretta”,e le sue dichiarazioni hanno fatto il giro d’Italia. Ma la circostanza da cui sono nate è ancora priva di riscontri reali. Chiara Poggi parlò con i maghi della Magic Star riferendo le sue inquietudini su Alberto? “Io non ho mai detto che era Chiara Poggi, ma che era una persona che si chiamava Chiara e parlava da Garlasco” ha detto oggi Cugnasco.  Qualche giorno fa, in televisione, aveva però riferito che ricordava il nome Poggi perché corrispondeva a quella di una sua vecchia compagna di scuola.
Oggi l’ulteriore precisazione. Interrogato dalle 10 e 45, fino alle 13 e 30, è apparso un po’ meno sicuro dell’altro giorno, ma ha comunque confermato le circostanze già riferite. Ha detto di avere fornito nuovi particolari che non rivelerà e di aver anche dato alla Guardia di Finanza una nuova chiave di accesso del database della Magic Star (l’archivio clienti sequestrato nell’ambito dell’inchiesta sulle truffe) per nuove ricerche. Dichiarazioni, molte. Riscontri, nessuno. I carabinieri avevano il dovere di considerare ogni possibile indizio, ma le dichiarazioni di Enzo Cugnasco destano più di una perplessità e non aiutano, per ora, le indagini sull’omicidio di Garlasco, già lunghe e complicate.
Rimangono, come riscontri oggettivi, quelli emersi nei giorni scorsi: i magistrati di Vigevano hanno escluso che i numeri in dotazioni a Chiara Poggi abbiano mai chiamato la Magic Star. Il mago Yaris che aveva rilanciato queste illazioni non è stato più convocato. Nel database ispezionato dalla Finanza, nell’ambito dell’inchiesta su Cugnasco, non è mai emerso alcun elemento sulla ragazza assassinata. Le intercettazioni relative all’indagine sulla Magic Star sono relative al 2006 e non vi è alcuna traccia di Chiara Poggi.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.