I Mondiali 2008? In Svizzera, ma la gara è sul Merlot

Sud Africa, la California, il Cile, la Francia, l’Australia, l’Italia, senza dimenticare la Svizzera, saranno presenti a questo appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di un vitigno che ha trovato una sua giusta dimora proprio in Ticino

La partita è sul bouquet, il colore e la consistenza. Il campo di gioco è un tavolo e l’arbitro un sommelier. E’ il Mondiale di Merlot, in programma tra il 31 ottobre e il 2 novembre 2008 a Lugano. Produttori dalle maggiori regioni viti-vinicole mondiali, tra cui il Sud Africa, la California, il Cile, la Francia, l’Australia, l’Italia, senza dimenticare la Svizzera, saranno presenti a questo appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di un vitigno che ha trovato una sua giusta dimora proprio qui in Ticino. A coronamento di questa grande progettualità, il Mondial du Merlot, ideato e organizzato dalla ISICOM SA di Lugano e Chiasso, si avvarrà della straordinaria collaborazione di Vinea. Una collaborazione di prestigio che si concretizzerà principalmente sugli aspetti organizzativi, sui sistemi informatici, sulla raccolta dei dati punteggio e sulla partecipazione di una parte dei giurati di esperienza e fama internazionale e che vedrà Ticino e Vallese idealmente uniti in un progetto comune di valorizzazione dei loro vitigni più rappresentativi. E con Vinea, per l’organizzazione del primo Mondial du Merlot, si affiancheranno anche l’ente per la promozione del vino ticinese di qualità, Ticinowine, e l’Association Suisse des Sommeliers Professionnels.

 “In Vallese – spiega la segretaria generale di Vinea, Elisabeth Pasquier –, il Mondial du Pinot Noir ha portato nuova linfa ai produttori, che si sono adoperati unilateralmente verso la qualità del nostro vitigno”

Ecco allora le principali tappe sul Mondial du Merlot: a breve sarà inviata ai produttori una prima richiesta d’iscrizione, seguita da una seconda programmata a fine giugno; sabato 28 giugno sarà comunicata ufficialmente la giuria chiamata a giudicare i vini in concorso; una giuria formata da almeno 30 esperti nel settore, suddivisi tra enologi (nella misura del 50 per cento), tra cui si trovano membri dell’Union Internationale des Oenologues, sommeliers professionisti (30 per cento) e infine giornalisti enogastronomici (20 per cento). Venerdì 12 settembre è la data limite per l’invio del formulario d’iscrizione e, entro martedì 30 settembre, i vini iscritti dovranno essere consegnati agli organizzatori. L’appuntamento vero e proprio con il concorso è fissato per il 31 ottobre, il 1° e il 2 novembre, giorni in cui la giuria sarà chiamata a pronunciarsi sui campioni consegnati, con relativo punteggio in centesimi. Infine, venerdì 7 novembre, sempre a Lugano si svolgerà la cerimonia di gala con la proclamazione dei risultati e consegna dei premi. Saranno consegnate medaglie, rispettivamente d’oro, d’argento e di bronzo, premi speciali e premi ai migliori classificati secondo lo stato di provenienza.

Gli organizzatori hanno deciso di suddividere il concorso in due categorie principali, rossi tradizionali e rossi barricati e per ognuna di esse in altrettante due sottocategorie: più di 3 anni e meno di 3 anni. I criteri per concorrere sono i seguenti: vini la cui produzione minima è superiore a 3’000 bottiglie, di cui, a ottobre 2008, almeno 500 bottiglie in commercio, e vini che contengano almeno il 90% di uve Merlot; ad eccezione dei paesi in cui vige una legislazione differente in materia di denominazione. Da notare infine che a breve sarà attivato il sito internet www.mondialdumerlot.ch, in cui si troveranno tutte le informazioni dettagliate sul concorso e l’iscrizione.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Gennaio 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.