Premio Chiara alla carriera ad Andrea Camilleri

L'autore siciliano sarà presente al teatro Sociale sabato 1° maggio: è premiato "per avere sedotto l’intero pianeta con la grazia inarrivabile delle sue storie, quintessenza di una Sicilia verissima e inventata”

Andrea CamilleriAndrea Camilleri riceverà sabato 1° maggio al Teatro Sociale di Luino il Premio Chiara alla carriera. Questa la motivazione: “Il Premio Chiara alla Carriera viene conferito ad Andrea Camilleri, per avere sedotto l’intero pianeta con la grazia inarrivabile delle sue storie, quintessenza di una Sicilia verissima e inventata”. L’appuntamento per l’evento è ore 18 al Teatro Sociale: condurranno Luca Crovi Mauro Novelli, sono previsti interventi di Dario Galli, presidente della Provincia di Varese, Andrea Pellicini, sindaco di Luino, Ettore Mocchetti, direttore AD.
«Siamo veramente onorati e contenti – dichiara Bambi Lazzati, direttore Artistico del Premio Chiara – che Andrea Camilleri abbia accettato il conferimento del Premio Chiara alla Carriera.
Sarà con noi sabato 1 maggio a Luino alle 18.00 per una grande festa in suo onore».
Il Premio Chiara alla Carriera è sostenuto da AD la rivista del Gruppo Condè Nast per la quale Piero Chiara inventò nel primo numero la rubrica “La casa, la vita”, ancor oggi viva.

Andrea Camilleri è nato a Porto Empedocle (AG) il 6 settembre 1925. Vive da sessant’anni a Roma, dove dal 1948 al 1950 ha studiato all’Accademia di arte drammatica Silvio d’Amico, per poi lavorare come regista, sceneggiatore, autore per il teatro, la radio e la televisione. Ha portato in Italia per primo il teatro dell’assurdo di Beckett, con "Finale di partita". Per conto della Rai, dove è entrato alla fine degli anni Cinquanta, ha messo in scena molte opere teatrali, sempre con un occhio di riguardo a Pirandello, e lavorato nelle vesti di delegato alla produzione di sceneggiati come Il tenente Sheridan e Le inchieste del commissario Maigret.
Col passare degli anni è tornato all’attività letteraria, già coltivata in gioventù con racconti e poesie. Esordisce nel 1978 col romanzo "Il corso delle cose" (Lalli), seguito nel 1980 da "Un filo di fumo" (Garzanti), primo di una serie di storie ambientate nell’immaginaria cittadina siciliana di Vigàta dopo l’Unità d’Italia. Tra esse spiccano "La stagione della caccia" (1992), "Il birraio di Preston" (1995), "La concessione del telefono" (1998), tutte edite da Sellerio. Fa storia a sé "Il re di Girgenti" (Sellerio, 2001), romanzo ambientato tra Sei e Settecento, in cui l’elemento spagnolo si somma all’impasto di italiano e dialetto siciliano, che caratterizza anche i gialli incentrati sulla figura del commissario Montalbano: inaugurati da La forma dell’acqua (Sellerio, 1994), ne sono usciti sino a oggi una quindicina, molti dei quali trasposti in una fortunata serie televisiva. Tra i numerosi altri volumi firmati da Camilleri vale la pena di ricordare almeno la Biografia del figlio cambiato (Rizzoli, 2000), su Pirandello, e Il colore del sole (2007), ricostruzione fantastica degli ultimi anni di Caravaggio, uscita presso Mondadori, dove sono apparsi anche due Meridiani che ne raccolgono le opere, Storie di Montalbano (2002), a cura di Mauro Novelli, e Romanzi storici e civili (2004), a cura di Salvatore Silvano Nigro. Nel breve giro di un decennio Andrea Camilleri è diventato lo scrittore italiano più letto e amato al mondo, tradotto in tutte le lingue principali. Ha ricevuto quattro lauree honoris causa e ottenuto un’infinita serie di riconoscimenti, tra i quali si possono ricordare il titolo di Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana (2003), il Premio Internacional de Novela Nigra (2008) e il Premio Letterario Cesare Pavese (2009). Da poche settimane nelle librerie è il romanzo Il nipote del Negus (Sellerio), uscito anche in audiolibro, letto con voce inconfondibile dallo stesso Camilleri.
Luca Crovi critico rock, conduttore radiofonico, ha scritto per Il Giornale, Max, Italia Oggi e collabora attualmente con la rivista Suono. Lavora come redattore presso la Sergio Bonelli Editore e ha pubblicato per le edizioni Puntozero. Nel 2002 la Marsilio Editori ha pubblicato la sua monografia sul thriller italiano Tutti i colori del giallo.
Mauro Novelli insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università Statale di Milano. È autore di due monografie e numerosi studi sulla poesia e la narrativa dell’Otto-Novecento. Per la collana Meridiani Mondadori ha curato le Storie di Montalbano di Andrea Camilleri (2002) e i due volumi delle Opere di Piero Chiara (2006-2007).
Il Premio Chiara alla Carriera, appuntamento importante del Premio letterario dedicato a Piero Chiara è stato assegnato negli anni precedenti a Giuseppe Pontiggia, Giovanni Pozzi, Claudio Magris, Luigi Meneghello, Giorgio Orelli, Raffaele La Capria, Mario Rigoni Stern, Alberto Arbasino, Luigi Malerba, Dante Isella, Carlo Fruttero.

Info:
AMICI DI PIERO CHIARA
Viale Belforte 45 – 21100 Varese – tel. 0332 335525 fax 0332 335501
www.premiochiara.it e www.ilfestivaldelracconto.it
e-mail: amicichiara@premiochiara.it

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Aprile 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.