“Piedibus, un servizio necessario”

Partito in via sperimentale il servizio per le scuole elementari, sarà riconfermato l’anno prossimo. Le considerazioni dell’assessore Pizzi

L’Amministrazione Comunale, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo A.Manzoni, ha promosso tra gli alunni delle classi 4 e 5 elementari del plesso scolastico di via XX Settembre il progetto del Pedibus.
Il Pedibus è un servizio di trasporto pubblico innovativo: i ragazzi andranno a scuola a piedi, accompagnati da due o più accompagnatori adulti.
Questo progetto si identifica proprio in una idea di servizio pubblico, strutturato con orari, linee e fermate prestabilite, proprio come funzionerebbe una linea di scuolabus: la differenza è che con questo tipo di trasporto pubblico si contribuisce a migliorare l’ambiente e il traffico nella via XX settembre nelle ore di punta, perché si limita l’uso delle autovetture private, contribuisce ad aumentare la socialità e il rispetto delle regole da parte dei nostri piccoli cittadini uboldesi e contribuisce a rafforzare il concetto di comunità, dove persone adulte aiutano gli alunni in questo progetto.
Tramite la preside dell’Istituto Comprensivo e le insegnanti del plesso di via XX settembre, l’Amministrazione Comunale ha voluto coinvolgere gli alunni stessi in un percorso dedicato di progettazione del servizio pedibus vero e proprio, sotto la supervisione dell’Ufficio Tecnico e della Polizia Locale del Comune di Uboldo. Infatti sono stati coinvolti nell’individuazione delle linee e nella creazione del logo, che vedete qui riprodotto e nei cartelli del capolinea del pedibus. Con il materiale creativo prodotto dagli alunni è stata poi allestita una bellissima mostra nei giorni della festa dell’ambiente 2010.
Ora che il progetto pedibus ha preso forma, ora che i cartelli sono stati posizionati in via Risorgimento (linea rossa) e in via Dell’Acqua (linea verde) e la segnaletica orizzontale sui marciapiedi è stata realizzata, siamo alla ricerca dei volontari che possano accompagnare i ragazzi nei percorsi. L’Amministrazione Comunale ha chiesto collaborazione al gruppo di Protezione Civile di Uboldo, al gruppo Anziani e ai genitori degli alunni coinvolti nel progetto.
Per l’anno scolastico 2009-2010 è stato scelto di istituire un servizio “sperimentale” per un periodo limitato: il pedibus di Uboldo sarà operativo nella seconda metà di maggio 2010, per poi riprendere con il nuovo anno scolastico a settembre 2010.
Anche il progetto del pedibus si inserisce nella politica ambientale dell’Amministrazione Comunale Uboldo al Centro, che nel primo anno di amministrazione ha visto Uboldo aderire a progetti di sostenibilità ambientale con Banca del Verde e i 112 alberi piantati al centro sportivo e con l’adesione al Patto dei Sindaci per l’energia, che proietterà Uboldo su una dimensione di collaborazione europea. Vogliamo poi riprendere questi progetti nel futuro, per aumentare la fruizione delle nostre aree verdi in modo da valorizzarle ancora di più e, riguardo al Pedibus, l’auspicio è quello che il progetto si possa trasformare in associazionismo, con la creazione di un’associazione di cittadini, genitori e nonni, in modo che il pedibus possa essere operato su tutti i plessi scolastici e per tutte le classi dell’Istituto Comprensivo A. Manzoni di Uboldo.
Ad oggi gli alunni iscritti sono il 30% dei ragazzi che frequentano le classi 4 e 5 di via XX settembre! Loro hanno creduto al progetto fin da subito, ora tocca agli adulti dare una mano a questo progetto!

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 maggio 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore