“E’ la Yamamay più bella di sempre”

Serata di presentazione per la squadra che si appresta ad affrontare la sua quarta stagione in serie A1. Dopo la sbornia europea di CEV spera davvero di tornare ad alti livelli anche in campionato

“È la Yamamay più bella di sempre, e può puntare ai primi quattro posti”: nella lunga e festosa serata di presentazione delle bustocche, che domenica saranno al via della loro quarta stagione consecutiva in serie A1, a rimanere più impresse sono le parole di apertura dell’ad di Inticom Francesco Pinto, che stuzzicato sul tema “finale scudetto” aggiunge: “Beh, almeno andare in semifinale e non perdere in tre partite…”. Ci hanno provato poi in tanti a gettare acqua sul fuoco, da Carlo Parisi alle giocatrici, ma è rimasta la sensazione di un ambiente fiducioso e quasi euforico, che dopo la sbornia europea di CEV spera davvero di tornare ad alti livelli anche in campionato. “Guardo con ottimismo a questa stagione – dice il direttore generale Massimo Aldera – in cui mi auguro che potremo essere la sorpresa. Certo, sono preoccupato per l’attuale crisi economica, e per affrontare il nuovo anno con lo stesso budget del precedente abbiamo dovuto rinunciare a giocatori di prima fascia; ma questo vuol dire anche che le giovani troveranno più spazio, e non solo a Busto”. Giovani straniere, però… “Le italiane costano troppo – taglia corto Aldera – e comunque continuiamo a investire nel settore giovanile, non solo come vivaio della prima squadra, ma anche per passione e per dovere sociale”. E la rivalità con Villa? “Ci possono essere progetti comuni, ma nel rispetto delle diverse identità: se loro sono una corazzata, noi siamo un cacciatorpediniere…”.

Il presidente Michele Forte ha ribadito a sua volta l’importanza della programmazione a lungo termine: “È iniziato un nuovo ciclo, una squadra giovane e atleticamente preparata: al di là del risultato di quest’anno, che mi auguro sarà buono, avremo materiale su cui lavorare per molto tempo. La cosa che mi piace di più della nuova Yamamay? Il sorriso”. Il numero uno della Futura ha speso parole importanti anche sugli Europei che si svolgeranno nel settembre 2011 proprio a Busto Arsizio e a Monza: “Molte grandi città invidiano la nostra logistica e si chiedono: perché a Busto? Siamo molto orgogliosi di aver contribuito a trasformare il “brutto anatroccolo” nel cigno PalaYamamay. E lavoreremo al 150% perché Busto ne esca nel miglior modo possibile”.

Per il resto, la festa è stata l’occasione per presentare alcune importanti novità, tra cui il lancio del nuovo sito web, che sarà on line venerdì 26 novembre (sempre all’indirizzo www.volleybusto.com) con una struttura incentrata sull’interattività e sui collegamenti con i principali social network. Il team manager Enzo Barbaro ha ricordato inoltre che in occasione degli Europei, oltre alle già note modifiche all’assetto del campo, si realizzeranno diverse migliorie nell’impianto di viale Gabardi, tra cui l’installazione dell’aria condizionata. Non casuale, infine, la scelta del Bar Abba come sede della presentazione: in collaborazione con il locale di Gallarate, infatti, la Yamamay ospiterà ogni domenica prima della partita una band emergente del territorio, che suonerà dal vivo durante la fase di riscaldamento delle atlete su un palco appositamente allestito a bordo campo. “Un modo per coinvolgere il pubblico – spiega Barbaro – e per avvicinare il mondo della musica a quello dello sport, oltre a dare un’importante occasione di visibilità ai gruppi locali”.

La serata si è chiusa con il rituale taglio della torta e un aperitivo condiviso con tutte le giocatrici della Yamamay, alla presenza di numerosi ospiti tra cui anche il sindaco Gigi Farioli. Entusiaste le nuove arrivate: “Busto è come una grande famiglia” ha detto Francesca Marcon, mentre Luna Carocci ha ricordato che “prendere il posto di Maurizia Borri è una grande responsabilità, ma anche un enorme stimolo”.

TROFEO BRUNA FORTE – Questa sera alle 20.30 la Yamamay sarà in campo per l’ultima amichevole pre-campionato, che assegnerà il Trofeo Bruna Forte. La manifestazione benefica, giunta alla quarta edizione, in passato è stata vinta una sola volta dalle bustocche (nel 2008); quest’anno, per la prima volta, le biancorosse affronteranno una squadra straniera, l’Atom Trefl Sopot di Alessandro Chiappini e Simona Rinieri, che ha già incontrato negli ultimi giorni numerose formazioni italiane. I proventi del memorial (biglietto d’ingresso a 5 euro), dedicato alla moglie del presidente onorario Raffaele Forte, saranno destinati a tre associazioni operanti sul territorio: Cooperativa Speranza Busto Arsizio, Cooperativa Sociale Effatà Busto Arsizio e Art 4 Sport Onlus Mogliano Veneto. Nel foyer del PalaYamamay saranno presenti inoltre lo stand dell’associazione Solidarietà Sulle Ali del Volley, in cui sarà possibile acquistare il calendario benefico “Volley and the City”, e quello del libro “Euroyama” di Stefano Pagli, Max Ciuba e Alessandro Pizzi, che raconta con testi e immagini l’avventura della Yamamay nella scorsa edizione della Coppa CEV.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore