Sfida europea tra studenti a suon di traduzioni

Ci sono anche gli istituti Casula, Gadda-Rosselli e Fermi tra i 1600 istituti che in tutt'Europa parteciperanno al concorso "Juvenes Translatore"

Ci sono anche gli studenti del Casula di Varese, Gadda Rosselli di gallarate e Fermi di Castellanza tra i 3.300 studenti che si daranno battaglia a suon di traduzioni.
In tutt’Europa dalla Finlandia a Malta si è svolgerà il quarto concorso annuale per le scuole "Juvenes Translatores" (che in latino significa "giovani traduttori" http://ec.europa.eu/ translatores) organizzato dalla Commissione europea per verificare le  abilità linguistiche  degli studenti. 

Più di 1.600 scuole hanno presentato la loro candidatura al concorso e la Commissione ha dovuto scegliere tra i candidati: «Sono lieta nel constatare quante scuole vogliono partecipare al concorso. Abbiamo avuto un incremento di partecipanti del 13% rispetto all’anno scorso, circa 60 scuole in più – ha affermato Androulla Vassiliou, Commissario responsabile per l’istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù – Questa è un’opportunità senza pari per i giovani di mettere alla prova le loro abilità linguistiche cimentandosi con i migliori studenti di altri paesi. Ciò dimostra anche il profondo impegno nei confronti dell’apprendimento delle lingue manifestato dalle autorità preposte all’istruzione e dagli insegnanti».

I giovani iscritti devono essere nati nel 1993 e ciascuna scuola può iscrivere al concorso fino a un massimo di cinque studenti. Gli studenti ricevono un testo della lunghezza di una pagina e dispongono di due ore per tradurlo nella forma più scorrevole possibile da una lingua di loro scelta in un’altra delle 23 lingue ufficiali dell’UE.
Traduttori professionisti della Direzione generale "Traduzione" della Commissione valuteranno le traduzioni assegnando loro un punteggio. La giuria del concorso sceglierà la traduzione migliore per ciascuno Stato membro e i vincitori verranno proclamati nel febbraio 2011.
Come negli anni precedenti i vincitori saranno invitati a partecipare a una cerimonia di premiazione che si terrà a Bruxelles in occasione della quale riceveranno il loro premio dalle mani di Androulla Vassiliou, Commissario responsabile per l’istruzione, la cultura, il multilinguismo e la gioventù, e avranno l’occasione di incontrare traduttori dell’UE.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 novembre 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore