L’Inno di Mameli si impara a scuola

Con l'approvazione al Senato, è obbligatorio l'insegnamento dell'Inno. Il 17 marzo diventa una giornata di riflessione sull'Unità e la Costituzione ma non sarà festiva

 L’Inno di Mameli verrà insegnato a scuola. L’obbligo è contenuto nel ddl approvato quest’oggi, giovedì 8 novembre, dal Senato. L’aula ha anche deciso che il 17 marzo sarà una giornata di riflessione sull’Unità nazionale, la Costituzione, l’inno e la bandiera per promuovere i valori di cittadinanza, fondamento di una positiva convivenza civile, ma anche per riaffermare e consolidare l’identità nazionale attraverso il ricordo e la memoria civica. A favore del provvedimento, che è diventato legge, si sono espressi 208 senatori, 14 i contrari e 2 gli astenuti. Proteste da parte della Lega Nord, secondo cui si tratta di un provvedimento "inutile, retorico, ideologico e coercitivo". Il dispositivo, dunque, prevede percorsi di istruzione a decorrere dall’anno scolastico in corso,  La Giornata però non determina gli effetti civili di cui alla legge 27 maggio 1949, cioè non ci sarà un giorno di vacanza e ferie. 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 08 Novembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.