Il “parrucchiere in mutande” scende in piazza

Dopo la protesta nel suo negozio di Bizzozzero, Massimo Crippa ha organizzato una manifestazione per le vie del centro lunedì 4 febbraio

Il parrucchiere in mutande torna a farsi sentire. Dopo aver avviato una protesta dal suo negozio di Bizzozzero Massimo Crippa, scende in piazza. Lunedì 4 febbraio, dalle 12, sfilerà con un gruppo di sostenitori da Palazzo Estense fino a Piazza libertà. La partecipazione si annuncia piuttosto alta e le motivazioni restano le stesse: «Far sentire la voce del popolo che non ce la fa più a più a pagare le tasse e contro una classe politica che pensa solo ai suoi interessi». Questa volta la protesta sarà con i pantaloni ma «ci legheremo le mani». Ad appoggiarlo molti cittadini, oltre a diverse sigle sindacali, dalla Cisl ai rappresentanti delle forze di polizia, come Sulpum e Siap fino all’Associazione Verità presieduta da Tina Montinaro, vedova del caposcorta di Giovanni Falcone ucciso nella strage di Capaci. «Sarà una protesta apolitica – spiega Crippa – Vogliamo solo far arrivare ai piani alti la nostra voce».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.