Sospettati di furto, “espulsi” da Solbiate

Tre pregiudicati fermati dai carabinieri mentre si aggiravano nelle vie del paese: la Questura ha emesso un foglio di via, per tre ann non potranno tornare

Sospettati di essere ladri, finiscono "espulsi" dal territorio comunale: protagonisti, tre nomadi cittadini italiani, sui quarant’anni, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, fermati dai carabinieri della stazione di Albizzate. I tre controllati si aggiravano per le vie di Solbiate Arno e, dal momento che nessuno di loro risultava essere residente o domiciliato in zona, né sapeva dare una giustificazione plausibile della loro presenza sul posto, non è da escludere che stessero cercando qualche casa o azienda da svaligiare. Sulla base di questo sospetto, per i tre è stato proposto ed emesso tempestivamente dalla Questura di Varese il Foglio di via obbligatorio dal Comune di Solbiate Arno con divieto di ritorno nello stesso per i prossimi tre anni.
della sostanza. Come se non bastasse l’evidenza anche le dichiarazioni dell’italiano hanno incastrato il tunisino che è stato immediatamente arrestato.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.