Spari alla caserma, il pm chiede 15 anni per il mandante

Il processo per l'assalto a colpi di pistola contro la famiglia del maresciallo di Porto Ceresio. Dietro alla vicenda una banda locale

Il pm Tiziano Masini ha chiesto 15 anni di carcere per Gianluca Salzano, il bodyguard varesini accusato di essere il mandante del tentato omicidio nei confronti del maresciallo dei carabinieri di Porto Ceresio. L’abitazione del militare fu raggiunta da colpi di pistola sparati da due emissari di Salzano, secondo l’accusa, ovvero Ginaluca Dattilo e Alan Capuano, già condannati. Secondo il pm fu Salzano a ordinare gli spari per vendetta contro il maresciallo che era stato inflessibile in alcuni controlli nei confronti di Salzano. Secondo il pm tuttavia gli spari erano diretti a colpire e non solo a intimidire. L’accusa si basa anche sulla confessione di Gianluca Dattilo.  

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.