Il Varese chiede strada al Carpi dell’ex Castori

Prima trasferta ufficiale della stagione per i biancorossi che domenica 7 (ore 15) sfideranno gli emiliani. Petkovic subito titolare in attacco. Rea: "Mi aspetto una battaglia". Liveblogging su VareseNews

Tre vittorie nelle prime tre partite ufficiali: niente male per una squadra – il Varese di Bettinelli – partito con il solo obiettivo della salvezza, anche se i match con Juve Stabia, Entella e Spezia sono stati tutti disputati a Masnago. Domani – domenica 7 settembre (ore 15) – però si cambia, almeno dal punto di vista geografico: i biancorossi percorreranno la via Emilia prima di raggiungere Carpi, dove opera l’ex tecnico Castori e dove si trova una società che ha fatto bene al primo anno di B ed è intenzionata a proseguire l’avventura in questo campionato.

(Mister Bettinelli dovrebbe confermare gran parte dell’undici che ha vinto con lo Spezia)


SUBITO PETKOVIC
– La partita dello stadio "Cabassi" sarà anche la prima dopo il termine del calciomercato, e uno dei "frutti" delle trattative orchestrate dal ds Ambrosetti è già pronto a vestire una maglia da titolare. Si tratta di Bruno Petkovic, centravanti croato che tra pochi giorni compirà vent’anni e che sarà la spalla di capitan Neto Pereira in attacco, un po’ per contingenza (out Miracoli, Forte e Lupoli per motivi fisici) e un po’ per merito visti i sei gol rifilati in amichevole agli Allievi.
La presenza di Petkovic sarà, su per giù, la sola novità dell’undici titolare: Bettinelli pare intenzionato a confermare i giocatori che hanno battuto 2-1 lo Spezia, con il solo dubbio a centrocampo tra Barberis (un regista) e Blasi (un secondo incontrista, oltre a Corti). Verso la conferma De Vito e Falcone, sulla fascia sinistra, così come la coppia centrale formata da Borghese e Rea.

(Rea anticipa Ebagua e imposta l’azione contro lo Spezia)


ANGELO AL MICROFONO
– Proprio Angelo Rea è stato chiamato a presentare la gara, dopo l’ultimo allenamento svoltosi sabato mattina a Masnago. Non a caso, perché l’esperto difensore ha appena rinnovato il contratto e inoltre conosce molto bene mister Castori e il suo modo di intendere il calcio. «Da inizio anno ero al corrente che la società doveva ridurre i costi, e io sono d’accordo tant’è vero che ho ritenuto di dover seguire le scelte del Varese – spiega il centrale di Pomigliano d’Arco riguardo al contratto – Però c’erano trattative di mercato aperte su di me e per questo avevamo scelto, in accordo con i dirigenti, di non giocare le gare di Coppa Italia; poi alla vigilia dello Spezia è arrivata la convocazione e per me è stata una cosa bellissima. Con i mister, tra l’altro, ho un ottimo rapporto mentre i tanti amici che ho fuori dal campo mi hanno riempito il telefono di messaggi affettuosi quando hanno saputo della mia conferma».
Riguardo agli avversari di turno, Rea spiega: «Castori è tecnico che mi conosce e mi vuole bene, visto che mi ha richiesto in ogni squadra che ha allenato (compresi gli emiliani ndr). Il Carpi è grintoso e aggressivo, un po’ come noi: mi aspetto una partita equilibrata e giocata sull’agonismo. Forse si chiuderanno per aspettarci, ma di certo possono anche rincorrerci per tutto il campo: mi aspetto una battaglia, più che una partita». Detto dell’ex allenatore, il difensore parla anche dell’attuale mister: «Lo scorso anno Bettinelli è stata un’àncora cui aggrapparsi dopo la tensione delle sette sconfitte consecutive: ci ha messo in condizione fin dal principio di farci sentire importanti e ha ricostruito un gruppo che era distrutto. Tanto di cappello: farà molta strada».

LO SPAURACCHIO – E, visto il ruolo, è sempre Rea a presentarci il giocatore più pericoloso degli avversari per la consueta rubrica de "Lo spauracchio". Il nome nel mirino è quello di Jerry Mbakogu, nigeriano che a 22 anni ha già segnato 14 reti in Serie B. «Lo conosciamo bene, e sappiamo che se gli dai un metro di vantaggio sei morto, perché ha una velocità incredibile. Dobbiamo essere bravi a non concedergli profondità: lo scorso anno lo tenemmo bene per 60′ ma poi, complice un fuorigioco sbagliato, ci fece gol».  Una partita poi finita tra i veleni per il rigore al 90′ segnato dall’ex Pesoli che poi fece il segno della lettera "C" al pubblico che lo fischiava. A proposito di ex, Castori non avrà a disposizione Concas, ma potrà schierare Struna, appena arrivato dal Palermo.

LA DIRETTA – Il match del "Cabassi" sarà come di consueto raccontato in diretta su VareseNews, nel liveblogging aperto sin dal pomeriggio del venerdì. All’interno potete già votare il sondaggio pre-partita, scorrere le notizie della settimana e aggiungere la vostra opinione, o scrivendo nello spazio commenti o usando su Twitter e Instagram l’hashtag #carpivarese. Per visualizzare il live al meglio, CLICCATE QUI

Carpi – Varese (probabili formazioni)

Carpi (4-5-1): Gabriel (Kelava); Struna, Suagher, Poli, Romagnoli; Embalo, Bianco, Porcari, Lollo (Pasciuti), Letizia; Mbakogu:
Varese (4-4-2): Bastianoni; Fiamozzi, Borghese, Rea, De Vito; Zecchin, Corti, Barberis (Blasi), Falcone; Neto Pereira, Petkovic. All. Bettinelli.
Arbitro: Ros di Pordenone (Lo Cicero e Intagliata – IV° uomo Candussio).

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 06 Settembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.