Notte alcolica in provincia, 6 giovani in ospedale

Da nord a sud soccorritori impegnati in diversi interventi che hanno visto protagonisti minori in stato di intossicazione etilica. Due sedicenni e un diciassettenne sono stati ricoverati in condizioni critiche

E’ stata una notte particolarmente movimentata quella tra sabato e domenica, per i soccorritori dell’Areu in provincia di Varese, impegnati a soccorrere diversi giovani e giovanissimi in stato di intossicazione etilica. Il primo intervento è stato svolto a Cilvio, in via Molino Sotto, dove un ragazzo di 16 anni è stato soccorso poco dopo la mezzanotte e portato in codice rosso all’ospedale di Varese. Mezz’ora dopo è una ragazza di 16 anni a impegnare i soccorritori di Busto Arsizio in viale Rimembranze, anche in questo caso la giovane è stata trasportata in codice rosso all’ospedale cittadino. Negli stessi momenti a Varese un giovane di 19 anni è stato soccorso in via Cavour mentre all’ospedale di Castellanza un 17enne è stato trasportato da un’ambulanza in stato di ubriachezza piuttosto grave. Prima dell’alba sono finiti in ospedale altri due giovani, uno a Gallarate di soli 18 anni e uno a Vergiate.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Gennaio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.