Coste più sicure grazie agli elicotteri dell’Agusta Westland

Gli elicotteri accresceranno le capacità operative nello svolgimento di missioni di pattugliamento e soccorso lungo le coste del Paese e nel Mediterraneo

Economia generiche

Coste più sicure grazie agli elicotteri dell’Agusta Westland. Sono stati consegnati nella giornata di lunedì 6 luglio tre nuovi elicotteri bimotore AW139 alla Guardia Costiera italiana, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio.

L’evento, al quale hanno partecipato il Comandante Generale della Guardia Costiera Felicio Angrisano e i vertici dell’azienda del gruppo Finmeccanica, segna un importante passo in avanti per la modernizzazione della flotta e il rafforzamento delle capacità di pattugliamento e soccorso in mare (Search and Rescue, SAR) della Guardia Costiera italiana.

Il Ministro Delrio ha potuto inoltre apprezzare le capacità industriali e la leadership tecnologica della società nel settore elicotteristico a livello mondiale: «La salvaguardia della vita umana e la sicurezza dei cittadini che si trovano in mare o sulle coste per lavoro, per viaggio o per divertimento – afferma il Ministro Delrio – è il principale tra i compiti affidati al Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera e rappresenta la primaria missione rivolta alla società civile a tutela degli utenti del mare. Solo nei primi venti giorni dell’Operazione Mare Sicuro, rivolta a tutti i turisti e diportisti che frequentano le coste italiane, sono state messe in salvo 191 persone. Per questo è di rilievo il progressivo rinnovamento del parco mezzi, ancora efficace, ma risalente a diversi anni fa, con i nuovi e più moderni velivoli che sono stati consegnati oggi a cura di Finmeccanica-AgustaWestland».

8Y5A1576
L’ammiraglio Angrisano ha dichiarato: «L’incremento, in operatività, dei velivoli ad ala rotante costituisce ulteriore, concreta risorsa di un Corpo chiamato, ex lege, a garantire – attraverso la salvaguardia della vita umana in mare in un’area di responsabilità di 500.000 kmq (da Ventimiglia a Trieste), la sicurezza della navigazione e dei trasporti marittimi e portuali, la tutela del mare e delle coste, dell’ecosistema marino e dell’intera filiera della pesca – gli usi civili, produttivi, ordinati del mare e delle coste, la cui crescita è patrimonio del Paese, dell’Europa. La consegna dei tre elicotteri AgustaWestland AW139 sono il più bel regalo che è stato fatto al Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera per il suo compleanno: 150 anni tra qualche giorno».

La Guardia Costiera ha recentemente effettuato anche un ordine per ulteriori due elicotteri dello stesso modello, unitamente a servizi di supporto e manutenzione, portando in tal modo la propria flotta ad un totale di dieci AW139. In futuro potrebbero aggiungersi ulteriori quattro elicotteri. A partire dal 2010, anno dell’ingresso in servizio dei suoi primi AW139, la Guardia Costiera ha beneficiato di una significativa crescita delle proprie capacità operative nello svolgimento dei suoi compiti istituzionali, in particolare all’interno dell’area di responsabilità SAR assegnata. Tra queste, le attività di soccorso durante una delle maggiori operazioni SAR congiunte mai realizzate nel Mediterraneo, e che ha coinvolto il traghetto Norman Atlantic nel dicembre 2014, effettuate in condizioni meteo e di missione proibitive. L’estensione della flotta dotata dei moderni AW139, in sostituzione dei preesistenti AB412, permetterà alla Guardia Costiera di far fronte ai futuri impegni operativi con sempre maggior efficacia e versatilità d’impiego.

L’elicottero bimotore di nuova generazione AW139 è il più venduto al mondo nella sua categoria, con ordini ad oggi per oltre 900 unità da più di 220 clienti in oltre 70 paesi nel mondo. Tale modello è il punto di riferimento sul mercato per i compiti di pubblica utilità come la ricerca e soccorso in mare e in montagna, l’eliambulanza, l’antincendio, la protezione civile e il pattugliamento. L’AW139 è dotato delle migliori prestazioni e della cabina più ampia nella sua categoria, capace di accogliere fino a quattro barelle oltre al personale medico e di soccorso, e può operare in piena sicurezza e in ogni condizione meteo e ambientale anche con un solo motore funzionante. L’avionica avanzata comprende un autopilota capace di assistere e gestire in modalità automatica fasi cruciali delle attività di soccorso e recupero, aumentando l’efficacia e la sicurezza della missione.

Gli elicotteri AW139 della Guardia Costiera sono dotati di un’ampia gamma di equipaggiamenti tra cui verricello per il recupero durante le operazioni di soccorso, gancio baricentrico, sistema tagliacavi, radar meteo e di ricerca, sistemi di comunicazione satellitare, sistemi di visione notturna e camere ad alta definizione, sistemi anticollisione, faro di ricerca, sistemi di emergenza in caso di ammaraggio e scialuppe di salvataggio.

In Italia l’AW139 è stato scelto ed è in servizio anche presso l’Aeronautica Militare, la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza per un totale di 37 unità ordinate per i diversi compiti di pubblica utilità, agevolando in tal modo l’organizzazione e la gestione di complesse operazioni congiunte in situazioni di emergenza per la collettività e il territorio. Tra i numerosi paesi in cui l’AW139 svolge operazioni di pattugliamento e di soccorso con sempre maggior successo si ricordano inoltre Regno Unito, Spagna, Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud, Malta, Svezia, Estonia, Bulgaria, Cipro, Malesia, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Oman, Canada, Cina e Australia per citarne alcuni. L’AW139 viene impiegato nel mondo anche per compiti di trasporto passeggeri, trasporto offshore a supporto dell’industria degli approvvigionamenti energetici, ruoli governativi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 luglio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore