Calci e pugni tra nonni e genitori all’uscita di scuola

La violenta lite, sedata dai carabinieri, è scoppiata davanti alla scuola elementare del paese tra i nonni di un allievo e i genitori di un suo compagno di scuola. Nella concitazione c'è stato anche un investimento

Carabinieri

La lite tra due compagni finisce a calci e pugni tra parenti, all’uscita di scuola. Protagonisti della violenta lite, avvenuta nel pomeriggio di lunedì davanti alla scuola elementare Brusatori della frazione Sant’Antonino Ticino, i nonni e la madre di una bambina e i genitori dell’altro. Il tutto è avvenuto nel parcheggio antistante l’istituto scolastico, sotto gli occhi di bambini e genitori. Per tranquillizzare gli animi si è reso necessario l’intervento dei carabinieri giunti con due pattuglie, una da Lonate Pozzolo e una da Samarate.

Per motivi che i militari stanno cercando di ricostruire le due famiglie sono venute alle mani con calci e pugni fino al punto che il genitore che avrebbe iniziato l’aggressione ha investito la madre e la nonna dell’altra bambina per poi finire la corsa contro un palo. Fortunatamente le due donne sono state colpite solo di striscio dall’auto e non hanno riportato lesioni gravi.

L’intervento dei militari ha messo fine alla violenta lite e tutte le persone coinvolte sono state accompagnate in ospedale per farsi medicare. Secondo alcuni testimoni uno dei contendenti avrebbe anche estratto una specie di machete che, però, i carabinieri non hanno ritrovato in sede di perquisizione sulle auto dei litiganti.

Questa mattina i carabinieri, al termine di una breve indagine, hanno denunciato per lesioni, ingiuria e minaccia alcuni dei partecipanti alla disputa.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Ottobre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    I “bambini” (massì chiamiamoli con questo termine innocente) hanno avuto l’anticipazione di quello che gli toccherà in età adulta (ovviamente adulta in termini anagrafici).
    W la famiglia tradizionale, fonte di morale e pilastro fondamentale della società.

  2. Scritto da Berni2

    Scusate se la domanda sembra scema ma… E’ notizia o è una scena ripresa da fatti risalenti al medioevo? ah, no, nel medioevo non c’erano automobili. Che tristezza per quei bambini che hanno dovuto subire l’onta di quelle scene pietose. FUORI I GENITORI E I NONNI DALL’AMBIENTE SCOLASTICO!

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.