I rapinatori in azione a Jerago

Le telecamere di sorveglianza della filiale di Veneto Banca hanno ripreso il tentato colpo del 13 novembre: anche da qui è partita l'indagine che ha portato i carabinieri fino in Sicilia

Era il 13 novembre del 2015: in un giorno qualsiasi tre rapinatori erano entrati all’interno della filiale Veneto Banca di Jerago, appena ai margini del centro del paese (ma giusto accanto a municipio e Polizia Locale). Le telecamere della banca hanno ripreso l’assalto, fallito a causa del sistema di temporizzazione di consegna del contante (i tempi di rilascio del contante sono crescenti in proporzione all’importo richiesto).

I carabinieri nella giornata dell’1 marzo hanno arrestato, per quel colpo e per un altro a settembre a Sumirago, un 35enne e un 50enne di Catania, identificati dal Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Gallarate, in collaborazione con i colleghi di Catania: qui la ricostruzione delle indagini.

Negli stessi giorni si verificarono altre rapine nella zona intorno a Busto Arsizio, dove ci fu anche una collutazione con arresto di uno dei rapinatori (in quel caso si trattava di un uomo e una donna).

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.