Mastropasqua amaro: «Due passi indietro»

Il tecnico della Pro Patria commenta senza giri di parole la sconfitta in casa della Reggiana: «E' stata una questione di testa»

Pro Patria - Reggiana 0 a 0

Non riesce a spiegarsi la prova sottotono dei suoi mister Angelo Mastropasqua, al termine della sconfitta della sua Pro Patria 1-0 in casa della Reggiana: «Abbiamo fatto un passo indietro rispetto all’ultima gara e due passi indietro rispetto alle ultime due. È stata una questione di testa, ma eravamo anche un po’ sulle gambe dopo la gara di alto livello di domenica; oggi arrivavamo in ritardo sui palloni, non riuscivamo a sviluppare gioco e abbiamo sofferto quando loro ci aggredivano. Ma è stata soprattutto questione di testa, abbiamo subito un po’ di tensione e un po’ di paura di perdere la palla e questo ha portato alla prestazione negativa. La sconfitta è giusta; abbiamo fatto qualcosa in più nel primo tempo, nella ripresa soffrivamo e ho provato la difesa a cinque inserendo Zaro, ma poi è arrivato il gol su un’azione da palla da fermo. Cerchermo di onorare la maglia fino al termine della stagione, dando il massimo. Oggi era un campo difficile, la Reggiana ha spinto forte e non siamo riusciti a controbattere. Si riparte sapendo che non c’è nulla da perdere, anche per questo non riesco a capire le difficoltà e la tensione incontrate oggi».

Ha provato in tutti i modi a opporsi alla Reggiana Cosimo La Gorga, per distacco il migliore in campo dei tigrotti questa sera: «Peccato perché oggi ci tenevamo a fare punti. Contro l’Alessandria abbiamo fatto bene, ma questa sera eravamo un po’ stanchi perché abbiamo avuto poco tempo per prepararci. In questo finale di campionato cerchiamo di andare avanti, fare il nostro meglio e cercare di mettere assieme più punti possibile per noi e per la piazza».

Contento e sollevato mister Alberto Colombo (nella foto): «Sapevo non sarebbe stato facile stasera, ma l’unico rimprovero alla mia squadra è di non averla sbloccata prima. I ragazzi hanno dato tutto, anche se non siamo stati lucidissimi, soprattutto nella ripresa».

Francesco Mazzoleni
francesco.mazzoleni@varesenews.it
Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.