Anche l’Arpa contro i fuochi d’artificio

Bruno Simini, presidente ARPA Lombardia spiega: "i valori orari tra il 31 dicembre e l'1gennaio evidenziano ogni anno un incremento delle concentrazioni"

i fuochi di sant'eusebio

Tra le fila dei detrattori dei fuochi d’artificio si schiera anche l’Arpa Lomabrdia, l’ente che si occupa della prevenzione e della protezione dell’ambiente, secondo la quale l’effetto dei botti di capodanno si riverbera anche sui livelli di concentrazione PM10 nell’aria.

A dirlo è Bruno Simini, presidente ARPA Lombardia che spiega: «L’andamento dei valori orari di PM10 registrato dalle diverse stazioni della rete ARPA, tra il 31 dicembre e il 1° gennaio, evidenzia ogni anno un incremento delle concentrazioni durante le ore notturne, con un picco dalla mezzanotte alle primissime ore del mattino del primo giorno dell’anno».

E la motivazione principale, secondo il presidente di ARPA, è individuabile proprio nei botti di capodanno che, sebbene temporaneamente, apporterebbero un consistente contributo alle concentrazioni di PM10 sia a causa del tipo di combustione, sicuramente non ottimale, sia per la composizione dei botti stessi.

Per corroborare la sua tesi Arpa ha diffuso i dati relativi alla stazione di rilevamento di Vimercate negli anni passati dove, in effetti, si nota un’innalzamento delle concentrazioni rilevate:

I dati PM10 di Vimercate

«Dai dati degli ultimi anni, abbiamo rilevato che le concentrazioni registrate il 1° gennaio risultano mediamente circa il doppio di quelle del giorno precedente e, in alcuni casi specifici, si arriva addirittura a tre volte tanto. E’ vero che si tratta di un innalzamento repentino e limitato nel tempo e che, tendenzialmente, i livelli ritornano a valori meno preoccupanti nei giorni successivi – conclude Simini – ma un comportamento consapevole può evitare di aprire l’anno con il primo giorno di sforamento sui 35 consentiti dalla normativa europea».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore