Gabriele Cirilli: “Venite a teatro, sarà un Capodanno di risate”

Il comico sarà il protagonista della notte di San Silvestro al teatro varesino: "Sul palco imitazioni e non solo"

Tempo libero generica

Nel suo spettacolo teatrale ci ha messo anche l’hashtag. Una scusa in più per strappare risate. La notte di San Silvestro Gabriele Cirilli sarà al Teatro di Varese con #TaleeQualeaMe, l’appuntamento che permetterrà ai varesini di trascorrere ore di ironia e leggerezza. L’appuntamento è dalle 22, al Teatro di Piazza Repubblica, fino a dopo la mezzanotte quando si festeggerà, «tra balli e risate» spiega Cirilli. 

Cosa ci puoi raccontare di questo spettacolo?
«La cosa bella è che è nato a tavola. Mio figlio mi aveva appena aperto l’account Instagram e commentavo con gli amici le fotografie che avevo pubblicato. Mi sono accorto che si divertivano ed è lì che ho deciso di costruirci uno spettacolo teatrale. Sul palcoscenico infatti, a secondo della fotografia che capita racconto la mia vita. E’ uno spettacolo bello, la gente si diverte. A mezzanotte poi, ci sarà da ballare, è una sorpresa».

Ci saranno anche le tue imitazioni?
«Certo, non mancheranno. Ci sarà un momento in cui porterà sul palcoscenico i miei famosi medley e tante altre curiosità»

Qual è il tuo rapporto con i social? 
«Mi faccio aiutare, non sono ancora bravissimo, sto imparando. Parlo di questa cosa anche durante lo spettacolo. Io uso Facebook, Twitter e Instagram e mi divertono tutti allo stesso modo, essendo così diversi tra loro».

Tra i tanti personaggi che hai interpretato c’è n’è uno che preferisci? 
«Ce ne sono tanti, penso ai tenori come il Volo, Pavarotti o Susan Boyle ma anche quelli più movimentati come Gam Gam Style. Cerco sempre il lato goliardico, un caratteristica del personaggio. Tutti i personaggi richiedono un grande impegno, le donne di più. E’ necessario trovare il giusto equilibrio per interpretarle»

Quando hai capito che volevi fare questo lavoro?
«Da subito, fin da bambino. Ho abbandonato l’idea durante l’adolescenza ma già durante il liceo l’ho ripresa in mano. Il provino con Gigi Proietti è stato fondamentale. Non potrei fare altro».

Grazie alla trasmissione Tale e Quale Show vi siete anche rincontrati…
«Non ci siamo mai abbandonati. E’ un padre per me e in questi anni ci siamo sempre tenuti in contatto».

Cosa hai chiesto a Babbo Natale?
«Di poter continuare a fare questo lavoro serenamente, con onestà e semplicità. E’ un regalo complicato ma è la cosa che desidero di più».

INFORMAZIONI E BIGLIETTI, clicca qui.

di adelia.brigo@varesenews.it
Pubblicato il 27 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore