Sorpresa, la senatrice Bignami è ancora al suo posto

Si era dimessa ma la crisi allunga i tempi. La senatrice si è rifiutata di commentare con Varesenews la vicenda

laura bignami anna finocchiaro gaetano quagliariello

Che sfortuna. La crisi di governo passa davanti a tutto, e anche la calendarizzazione delle dimissioni chieste lo scorso 25 febbraio dalla senatrice di Busto Arsizio, Laura Bignami, viene un po’ trascurata dall’aula del senato. In realtà anche quando il Senato era in piena attività, la tanto desiderata uscita di scena da parte dell’ex esponente del Movimento 5 Stelle non era stata presa in considerazione dai capigruppo.

L’argomento è poco gradito nell’entourage della parlamentare che, alla richiesta di poter parlare della questione, oggi, ha mostrato molto nervosismo. Al telefono della parlamentare ha risposto il consorte della senatrice. “Le cose stanno come le avete già scritte” ha osservato il marito della Bignami. Abbiamo chiesto di poter parlare direttamente con la senatrice per un commento e la risposta è stata questa: “No, tu con Laura non ci parli”. Stupiti, abbiamo chiesto perché. Ci ha appeso il telefonino in faccia.

Come mai? Non è dato saperlo. Laura Bignami è stata eletta nel febbraio del 2013 con il Movimento 5 Stelle. In un video della campagna elettorale compare mentre ai militanti spiega che il suo obiettivo é mandare “tutti a casa” e accompagna l’affermazione con un gesto della mano. Che vuol dire, in sostanza, “basta con i politici attaccati alla poltrona”. Il 27 febbraio 2014, in polemica con il Movimento 5 Stelle a causa dell’espulsione di quattro membri del gruppo senatoriale dello stesso Movimento, presenta le dimissioni da parlamentare insieme a quattro colleghi: Maurizio Romani, Maria Mussini, Monica Casaletto e Alessandra Bencini.

Il 6 marzo 2014 viene espulsa dal suo partito. Il Senato respinge la sue dimissioni l’11 giugno 2014. La nuova richiesta di dimissioni arriva nel febbraio del 2016, mentre pronuncia un discorso a favore degli omosessuali, e contro i parlamentari che “vanno su youporn”. Ottiene molti consensi per il suo coraggio a presentare le dimissioni. Ma poi, non se ne fa nulla. I capigruppo non mettono mai in calendario la richeista: e dunque, la ex grillina, è ancora nel seggio. Nel frattempo ha fondato il Movimento X.

Tuttavia nel suo blog, le va dato atto, la senatrice spiega che continua a donare parte dello stipendio, come nello spirito del Movimento 5 Stelle: i rendiconti sono a questo link https://drive.google.com/file/d/0B1Pvs_MVxoBqRGVMTE5jYzFKNFU/view

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 09 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore