Gassman alle Arti con Qualcuno volò sul nido del cuculo

A trent'anni dalla precedente rappresentazione sul palco di via don Minzoni, torna lo spettacolo, con adattamento di Maurizio De Giovanni

Cinema teatro delle Arti Gallarate

A quasi trent’anni di distanza (1986) torna alle Arti – martedì 7 e mercoledì 8 febbraio – Qualcuno volò sul nido del cuculo, romanzo di Ken Kesey adattato per il teatro da Dale Wasserman, e pure all’origine dell’omonimo film interpretato da Jak Nicholson. La drammaturgia di Wasserman avvicina il testo a noi, lo conduce al 1982, nell’ospedale psichiatrico di Aversa.

Alessandro Gassman che ne è regista, vi trasmette una cifra stilistica elegante, comunque fedele alle intenzioni dell’originale. Testo di impegno civile, è uno spietato atto di accusa contro metodi di costrizione adottati nei manicomi ma diventa anche una straordinaria metafora sul rapporto tra individuo e sistemi repressivi della società.

Apprezzatissima la regia di Alessandro Gassman che si avvale della versione italiana di Giovanni Lobardo Radice, adattata da Maurizio de Giovanni.

Tanti i protagonisti, tra i quali spiccano i comprimari Daniele Russo ed Elisabetta Valgoi.

Presso il Teatro delle Arti sono aperte le prenotazioni dei biglietti.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 01 Febbraio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.