Cristiani nella città, due incontri per approfondire

Il decano chiama a raccolta i varesini: don Mauro Barlassina invita a due serate di confronto e riflessione per creare ulteriori dialoghi di buona vita

Piazza San Vittore

Il decano chiama a raccolta i varesini: don Mauro Barlassina invita a due serate di confronto e riflessione per creare ulteriori dialoghi di buona vita.

«Parrocchie, associazioni e movimenti ecclesiali della città e del decanato di Varese – dice don Mauro – dando continuità a quanto proposto nella “lettera alla città” della scorsa primavera, desiderano offrire, a tutte le persone che hanno a cuore il bene degli uomini e delle donne, due incontri di riflessione e confronto su ambiti non certo secondari per la vita di ogni persona».

Due gli appuntamenti: venerdì 2 febbraio sulla “La città, ancora dimora per l’uomo?” con Ferruccio De Bortoli, editorialista de Il Corriere della Sera e il filosofo Francesco Petrosino presentati e moderati dal giornalista Enrico Castelli al salone Estense alle 21.  Mercoledì 7 febbraio, alle 20.45, nella Sala Borghi del Collegio De Filippi sulla difesa della vita in ogni sua forma “Per la vita, sempre”, moderato dal giornalista Gianfranco Giuliani, cui parteciperanno Francesco Ognibene di Avvenire, il dottor Andrea Larghi dell’ospedale di Varese e monsignor Gilberto Donnini, già direttore de “Il Luce”.

Lo stimolo a continuare in questo lavoro di insieme è sintetizzato dalla lettera dell’Arcivescovo Mario Delpini dello scorso mese di settembre, quando ricorda come «i cristiani non possono sottrarsi al compito di praticare abitualmente il discernimento in una città che deve raccogliere la sfida di declinare in modo nuovo il tesoro della tradizione ambrosiana».

Prosegue il decano: «è riconoscibile, a tutti coloro che con onestà e lettura approfondita di fatti e fenomeni sociali, la fatica oltre che la rassegnazione a elaborare percorsi e scelte coraggiose e capaci di invertire una rotta tendenzialmente pessimista e impaurita nei confronti della convivenza umana e dell’impegno a favore della città. Proprio per questo sentiamo la responsabilità di individuare proposte in grado di ridare spazio alla progettazione, alla creatività e di stimolare l’abbandono di posizioni contrappositive per ripensare insieme decisioni generative».

Per venerdì 2 febbraio: «l’intento della serata è di riportare all’attenzione di tutti, istituzioni e cittadini, la questione della convivenza dell’uomo e della donna dentro una relazione con altre persone. Una relazione capace di disegnare, anche nella concretezza delle scelte, il volto di una città vivibile oggi ma anche appetibile per le giovani generazioni. L’incontro, in continuità con la lettera alla città, vuole dare avvio a modalità precise di confronto per individuare percorsi praticabili nella direzione sopra accennata».

Mercoledì 7 febbraio, invece, «la proposta è sostenuta dal decanato e dal Movimento per la vita di Varese e prende avvio dalla raccolta degli editoriali del giornale “Il Resegone” (settimanale di Lecco) 1973-1986 firmato dall’allora direttore don Luigi Stucchi».

Il sottotitolo riporta al centro una questione tanto dibattuta e attuale: «… se non si è decisi a difendere comunque la vita, che cosa si è disposti a difendere?»

Parteciperanno alla serata, moderata da Gianfranco Giuliani, giornalista de “La Prealpina”, Francesco Ognibene, responsabile della rubrica “è vita” di Avvenire, il dott. Andrea Larghi, direttore di presidio ospedaliero, l’autore degli editoriali mons. Luigi Stucchi. Offrirà una testimonianza mons. Gilberto Donnini, all’epoca direttore de “Il Luce”.

I due appuntamenti, pur con accentuazioni diverse, si offrono come opportunità per rilanciare alcune sfide non rimandabili anche se decisamente ardue. «Certo che ciascuno prenderà in considerazione le proposte – conclude Barlassina – sosteniamo insieme questo compito di dare concretezza a ciò che ci fa uomini e, quindi, dovrebbe esserci più chiaro».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 Febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore