Faceva prostituire una connazionale, denunciata 60enne

La sfruttatrice di nazionalità cinese aveva preso in affitto un appartamento in zona ospedale nel quale avvenivano le prestazioni

Avarie

Aveva preso in affitto un appartamento in zona ospedale a Busto Arsizio dove faceva prostituire una donna di 48 anni, cinese irregolare in Italia e senza fissa dimora.

Nelle scorse ore i carabinieri di Busto Arsizio hanno deferito in stato di libertà per  i reati di sfruttamento, favoreggiamento della prostituzione e favoreggiamento permanenza di clandestini sul territorio nazionale una donna anche lei cinese, di 60anni,  residente a Milano, regolare, con diversi precedenti specifici alle spalle.

La “signora”, nei primi mesi dell’estate appena trascorsa, aveva preso in affitto un appartamento in città, e tramite annunci pubblicati su diversi quotidiani locali, anche online, procacciava clienti indirizzandoli all’appartamento, all’interno del quale la 48enne riceveva i clienti.

La 60enne è stata denunciata anche per aver favorito illecitamente la permanenza sul territorio nazionale della sua connazionale.

L’appartamento è stato posto sotto sequestrato. Al suo interno è stato rinvenuto numeroso materiale idoneo al “mestiere”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore