L’Orchestra Sinfonica Rossini, storia di un’impresa che crea benessere e profitto

Mercoledì 5 dicembre 2018 alla LIUC si presenterà la storia di un'impresa molto particolare, L'Orchestra Sinfonica “Rossini” di Pesaro e Fano

orchestra pesaro

La storia dell’Orchestra Sinfonica “Rossini” di Pesaro e Fano, realtà nata come azienda, unica nel suo genere, è al centro della quarta tappa del percorso di formazione manageriale itinerante “Storie di ordinaria economia” diretto da Massimo Folador, docente di Business Ethics della LIUC Business School. Un percorso per incontrare imprese che coniugano etica e profitti e comprendere quali sono i valori e gli obiettivi che fanno da supporto alle loro strategie, quali competenze e quali prassi organizzative all’origine dei loro risultati. 

 «Abbiamo letto l’orchestra dalla prospettiva imprenditoriale e abbiamo voluto far emergere gli aspetti che, oggettivamente, fanno già di questo soggetto un’impresa. Abbiamo poi assecondato la richiesta di un territorio e declinato questa esperienza all’oggi e agli obiettivi», spiega il Maestro Saul Salucci, Presidente e Sovrintendente dell’Orchestra Sinfonica “Rossini”. 

Nata in un territorio in cui mancava un gruppo orchestrale, la “Rossini” ha così soddisfatto, almeno in parte, le esigenze di un gran numero di strumentisti marchigiani qualificati per poi iniziare anche a “creare e progettare”, dice Salucci. «Ci siamo inventati concorsi musicali classici e moderni, fino al rock; concerti crossover  (programmi dedicati ai Pink Floyd ai Led Zeppelin, ad esempio)  e concerti trasversali di musica, sport e immagini. Tutto questo, insieme alla prassi interpretativa rossiniana che ci viene richiesta nel mondo, ci ha permesso di avere fondi privati quale principale entrata per le nostre attività, caso, se non unico, certamente raro per le istituzioni culturali italiane». 

Mercoledì 5 dicembre 2018 sarà la LIUC – Università Cattaneo ad accogliere la musica di alcuni elementi dell’Orchestra e a proporre l’ascolto di un’esperienza aziendale che ha saputo attrarre fondi privati e fare successo. Necessità, professionalità e dinamismo riassumono questa storia d’impresa che nel 2019 compirà 25 anni.

«L’orchestra mette al centro la persona e le relazioni con gli altri: fondamentali sono, infatti, le competenze artigianali dell’individuo e la capacità di cooperare tra le varie sezioni dell’orchestra – indica il Maestro Salucci – esiste poi una gerarchia precisa che, unita al ruolo del direttore e talvolta a quello di solisti, permette l’esecuzione del brano musicale». Dichiara il Presidente della LIUC Michele Graglia: «Questa testimonianza è, per me, doppiamente interessante, sia che la guardi come imprenditore abituato alla gestione di un’azienda, sia che la consideri da musicista, seppur dilettante, quale sono. L’Orchestra è un sistema di organizzazione sociale e aziendale che andrebbe esportato, da prendere come modello per efficienza e chiarezza di ruoli. Poter, dunque, conoscere la storia della “Rossini” dalla viva voce del suo Presidente e Maestro sarà un’occasione preziosa per chi ha scelto di seguire un percorso di formazione orientato a un progetto d’impresa capace di coniugare etica e valore economico e di creare benessere».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore