Pro Patria – Gozzano, quarto atto

Domenica 9 dicembre (ore 16.30) allo “Speroni” i tigrotti ospiteranno i piemontesi. Javorcic: "Entrambe le squadre sono cresciute; noi dobbiamo imparare a leggere le sfumature delle partite"

pro patria gozzano

(Foto Giovanni Garavaglia)

Sarà ancora segno “X”? Nel 2018 Pro Patria e Gozzano si sono trovate di fronte tre volte e in tutti i casi il risultato è stato di pareggio. 0-0 nella Poule Scudetto di maggio a Gozzano, 2-2 nell’andata di Coppa Italia a Busto Arsizio e 1-1 nel ritorno a Vercelli, con il passaggio del turno a favore dei piemontesi.

Domenica 9 dicembre (ore 14.30) allo “Speroni” le due squadre si affronteranno per la quarta volta nell’anno solare 2018, anche se le due formazioni sono cambiate non poco dall’ultimo incontro.

Per la Pro Patria le variazioni non sono state tanto negli uomini, quanto nella mentalità di squadra, che ha saputo adattarsi alla Serie C. Il Gozzano invece è intervenuto molto nel mercato, rinforzando la rosa e trovando ottime risposte dai neo-arrivi. Queste variazioni in positivo hanno permesso alle due squadre di attestarsi al centro della classifica: 16 punti per i biancoblu di Busto Arsizio, 15 invece per i cusiani.

Mister Ivan Javorcic non potrà contare sullo squalificato Battistini in difesa, che verrà sostituito dal rientrate Ivo Molnar, e di Riccardo Colombo in mediana, infortunato. Soliti i ballottaggi: a centrocampo tra Disabato e Pedone e in attacco tra Gucci e Mastroianni.

Nel 3-4-1-2 di mister Antonio Soda invece l’estroso brasiliano Messias giocherà alle spalle dell’ex Varese Rolando e di Carletti. Il Gozzano arriva dalla sconfitta interna 1-0 a Vercelli contro la Pro Vercelli in una delle stranezze di questo campionato.

PAROLA DI JAVORCIC

(f. c.) «Sarà una partita interessante e difficile allo stesso tempo – spiega Ivan Javorcic al termine della rifinitura – Se è vero che un po’ conosciamo il Gozzano per averci giocato in Coppa, è altrettanto vero che come noi sono cresciuti e hanno imparato a conoscere la categoria». Il Gozzano infatti, neo-promosso in serie C come la Pro Patria, sta disputando un campionato niente male, e quello zero alla voce “sconfitte in trasferta” non fa che confermare le parole del croato. Nonostante tutto «la partita di Arezzo ci ha lasciato una grande consapevolezza, quella di dover affinare l’arte di sapere leggere le partite e le sfumature che cambiano al loro interno. Domani prevedo una partita equilibrata per caratteristiche fisiche e tecniche, che si deciderà sui duelli individuali». Nei venti convocati per la gara che si giocherà domani (16:30) allo Speroni, assenti sono Battistini, in diffida per il giallo rimediato ad Arezzo, e Colombo, infortunato, che ne avrà per una ventina di giorni. Rientra invece Bertoni, pedina fondamentale nello scacchiere bustocco, visto anche il ritorno di Fietta, giocatori che «danno un equilibrio importante alla squadra, soprattutto in un periodo così denso di impegni».

DIRETTA VN

La diretta di VareseNews è già iniziata (GUARDA QUI). Potrete commentare in diretta e interagire con gli hashtag #DirettaVn e #ProPatriaGozzano sui social network. Il racconto del match sarà affidato a Francesco Castiglioni e sarà integrato anche dai parziali della partita della Unet Ework Busto di pallavolo femminile.

di
Pubblicato il 08 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore