Pro Patria, vittoria delle emozioni a Pisa

Nel giorno della morte di Giovanni Garavaglia i tigrotti espugnano 2-0 l'Arena Garibaldi con il gol-compleanno di Santana e la super rete di Mora

pisa pro patria

(Foto Facebook – Aurora Pro Patria 1919 – Official)

La Pro Patria si conferma mina vagante e giant-killer del campionato: nel giorno del suo 37° compleanno Mario Santana si regala un gol (su rigore) e una prestazione da incorniciare, che permette ai ragazzi di Javorcic di espugnare anche l’Arena Garibaldi di Pisa 2-0, raggiungendo il terzo clean sheet consecutivo e portando a 7 la striscia di risultati utili. Il gol capolavoro di Mora ad inizio secondo tempo è poi la ciliegina sulla torta, in un giorno triste per l’ambiente dopo la scomparsa del fotografo Giovanni Garavaglia.

IL PRIMO TEMPO – Primo tempo che non regala altro che il vantaggio della Pro Patria. Da segnalare l’aggressività dei toscani nei primi 20 minuti, che però non porta ad occasioni limpide. Al 16’ Marconi mette giù di tacco un lancio proveniente dalla difesa, servendo così capitan Moscardelli, che al momento di concludere si trova davanti due difensori bustocchi. Ancora Pisa al 24’, quando Lisi scappa a sinistra e trova in mezzo Zammarini che intelligentemente mette a rimorchio per il tiro di de Vitis dal limite, che termina sopra la traversa. Al primo corner della loro gara i tigrotti trovano l’episodio favorevole: carambola in area e mano di Zammarini, con l’arbitro che sentenzia rigore. Il tiro dagli 11 metri viene realizzato da Santana, beffando Gori che intuisce la traiettoria ma non può evitare che la palla entri in rete dopo aver baciato il palo. Partita che dopo il vantaggio ospite si incattivisce, lasciando poco spazio al gioco. Solo al 47’ Ghioldi impegna Gori con un rasoterra dal limite.

LA RIPRESA – Pronti via e la Pro Patria trova subito il raddoppio: al 47’ Mora scappa sulla destra, e dopo un sombrero ai danni di Buschiazzo scarica in porta un destro al volo potentissimo che si insacca nell’angolino basso, non lasciando scampo a Gori. Pisa che dopo il doppio svantaggio continua a far fatica nel creare occasioni, grazie all’ottima difesa messa in campo dai tigrotti, che sbarra la strada ai tentativi di Moscardelli e compagni. Al 71’ ci prova da fuori De Vitis, con un destro a giro che termina alto; tre minuti dopo tocca a capitan Moscardelli, con un sinistro bloccato da Tornaghi. Ancora Pisa al 79’, quando Cuppone crossa per il colpo di testa in avvitamento di Masucci. Soluzione difficile che non va troppo lontano dall’incrocio dei pali. Da qui in poi la Pro Patria si limita a contenere i neanche troppo convinti assalti toscani, e, dopo 4 minuti di recupero, i bustocchi possono festeggiare il Natale regalandosi l’ennesima “grande” abbattuta a domicilio.

PISA – PRO PATRIA  0-2 (0-1)

Marcatori: 29′ p.t. Rig. Santana, 2′ s.t. Mora (PP).

A.C. PISA 1909 (3-5-2): 1 Gori; 4 Buschiazzo (8′ s.t. 2 Birindelli), 6 Masi, 13 Meroni; 5 Zammarini (8′ s.t. 11 Cuppone), 30 De Vitis, 27 Gucher (17′ s.t. 14 Marin), 10 Di Quinzio, 23 Lisi; 31 Marconi (8′ s.t. 26 Masucci), 9 Moscardelli. A disposizione: 12 D’Egidio, 22 Cardelli, 3 Brignani, 7 Cernigoi, 24 Maffei.

AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 1 Tornaghi; 4 Battistini, 19 Zaro, 15 Boffelli; 20 Mora, 16 Fietta, 14 Bertoni (28′ s.t. 13 Gazo), 23 Ghioldi (18′ s.t. 24 Pedone), 25 Sane (1′ s.t. 3 Galli); 11 Santana (40′ s.t. 18 Lombardoni), 17 Mastroianni (28′ s.t. 9 Gucci). A disposizione: 12 Mangano, 2 Marcone, 5 Molnar, 8 Disabato, 10 Le Noci. All. Javorcic.

ARBITRO: Mario Cascone della Sezione di Nocera Inferiore (Alessandro Ritondale della Sezione de L’Aquila e Michele Pizzi della Sezione di Termoli).

Angoli: 9 – 5. Recupero: 3′ + 4′.  Ammoniti: Masi, Buschiazzo, Lisi, Marin (PI); Bertoni, Tornaghi, Boffelli (PP). Note: Giornata mite. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 5447.

di
Pubblicato il 23 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore