MicroMaggiore, il record è realtà

Il piccolo cabinato BELIMO ITA-80 ha chiuso il percorso in 5h58’

belimo vela record

Impresa compiuta! Il micro BELIMO ITA-80 ha concluso con successo, nel tardo pomeriggio di ieri – 9 gennaio –, la traversata completa del Lago Maggiore per la sua intera lunghezza, dalla Svizzera fino all’Italia, registrando il primo tempo di riferimento per il nuovo MicroMaggiore Record, organizzato dalla Lega Navale Italiana – Sezione di Meina.

Con partenza da Minusio, in Svizzera, alle ore 11:13, il piccolo cabinato della Micro Class Italia, condotto dai tre velisti varesini Matteo Vanelli, Tayler Nizzetto e Alessandro Moratti, ha chiuso il lungo percorso, della lunghezza totale di circa 39 miglia, in 5h58’, giungendo all’arrivo di Sesto Calende, alle ore 17: 11, quando ormai iniziava ad imbrunire.

Una lunghissima traversata, caratterizzata da condizioni di vento decisamente varie, e talvolta ben poco favorevoli, e seguita in remoto da un numeroso pubblico di sostenitori e appassionati che, attraverso internet e un innovativo sistema di tracciamento GPS, hanno potuto seguire l’intera avventura di BELIMO in tempo reale sul proprio computer. A fine giornata, l’evento online ha registrato oltre un migliaio di visualizzazioni.

Record raggiunto nonostante condizioni meteo non favorevoli. Eppure l’atmosfera mattutina alla partenza di Minusio appariva ben diversa, con la piccola imbarcazione solitaria ferma sulla linea di partenza in una preoccupante assenza di vento che ha poi causato lo slittamento del via di circa un paio d’ore.

Navigazione lenta, quindi, nel primo tratto di Verbano, con vento debole e instabile in partenza e poi rafficato fino ad oltre il confine con l’Italia. Circa a metà percorso, grossomodo nello specchio d’acqua antistante Laveno, BELIMO ha agganciato una situazione meteo più favorevole con vento stabile intorno ai 18 nodi e punte in raffica fino a 28 nodi che gli ha permesso di aumentare notevolmente l’andatura. Condizioni rimaste poi stabili fin quasi all’arrivo, certificato dal suono di tromba del giudice FIV (Federazione Italiana Vela) che ha infine registrato il tempo totale.

Non può che essere positivo il commento dei protagonisti alla fine della loro impresa sportiva: «Faticoso ma indiscutibilmente bello!», è il primo commento del tattico Matteo Vanelli, il quale, a nome di tutto l’equipaggio, ha espresso all’arrivo la soddisfazione per un’impresa inedita compiuta felicemente e senza intoppi.

«È un successo che condividiamo con tutto il team tecnico che ha preparato e seguito con noi tutto l’evento e che ci ha permesso oggi di dedicarci alla conduzione della barca in tutta tranquillità. Un team che, vorrei sottolineare, ha operato a titolo volontario, mosso solo da una grande passione, ciascuno per il proprio ambito, fin dall’inizio di questa avventura».

«Vedersi tutto il lago in un sol giorno è un’esperienza turisticamente meravigliosa, e ancor più se arricchita da un po’ di competizione», ha aggiunto Vanelli riferendosi alla possibilità, da parte di altri equipaggi, di ripetere la traversata e battere il nuovo record. «Lo consiglio vivamente!», conclude Vanelli.
Micro Class Italia condivide l’invito e avvisa quanti vorranno tentare l’impresa di rivolgersi alla Lega Navale Italiana – Sezione di Meina, depositaria del bando del record, per avere tutte le informazioni per la partecipazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore