Primarie Pd, il comitato Zingaretti manda avanti i giovani

Il governatore del Lazio arriverà a Varese a fine gennaio. A sostenerlo anche nomi storici del centrosinistra varesino Giuseppe Adamoli, Daniele Marantelli, Stefano Tosi e il sindaco di Laveno Ielmini

comitato zingaretti varese

A sostenere la mozione Zingaretti ci sono i nomi storici del centrosinistra in provincia di Varese come Giuseppe Adamoli, Daniele Marantelli, Stefano Tosi e il sindaco di Laveno Ielmini ma, presentandosi, il Comitato a sostegno della candidatura del Governatore del Lazio alla guida del partito ha scelto di mandare avanti i giovani.

Sono Anna Zambon, consigliere comunale a Gallarate; Floriana Tollini, giovane neo-segretaria del Circolo Pd di Sesto Calende; Giacomo Fisco, consigliere comunale a Varese e Michelangelo Moffa, da poco nella squadra della segreteria provinciale Pd.

Una scelta che i quattro ragazzi rivendicano come punto d’orgoglio della mozione Zingaretti: «il nostro sostegno a questo progetto per il Pd nasce da un percorso di coinvolgimento dei giovani che proprio Zingaretti sta facendo su base nazionale – spiega Giacomo Fisco -. Per la prima volta da tempo c’è un leader capace di attrarre i giovani e il risultati si vede».

Il comitato, che invita tutti gli interessati a mettersi in contatto attraverso l’indirizzo mail “piazzagrandevarese@gmail.com”, ha già annunciato che alla fine di gennaio riuscirà a portare Nicola Zingaretti anche in provincia di Varese.

«Anche se io non sostenevo Renzi non rinnego il passato del nostro partito – spiega Floriana Tollini – tuttavia vogliamo bene al Pd e prendiamo atto che una fase si è conclusa». Il riferimento è naturalmente alla figura dell’ex segretario che ha attratto anche molti di loro.

Come Anna Zambon che spiega: «lui è stato un leader carismatico ma guardiamo avanti e la bellezza del nostro partito è proprio che siamo una comunità, l’unica comunità che oggi può scegliere il proprio segretario. A volte è bene ricordarla anche fra di noi questa differenza rispetto agli altri partiti. Io sto con Zingaretti perché i nostri valori sono di sinistra e ci sono ancora enormi differenze tra destra e sinistra che partono proprio dalla lotta alle disuguaglianze sociali».

La sfida interna al Pd viene proiettata da Michelangelo Moffa anche alle contese elettorali che attendono il partito: «a maggio ci sono le elezioni europee e penso che la figura di Zingaretti possa rivestire un punto strategico fondamentale anche in quell’occasione – spiega Moffa -. Il fronte progressista si trova in confusione di fronte a un’ondata populista senza precedenti. La vittoria di Zingaretti alle primarie può essere un punto di riferimento per l’intero fronte progressista europeo».

La campagna per le primarie è appena cominciata ma il Comitato guarda con speranza ai primi numeri provenienti dai circoli del territorio che hanno consegnato il 49.6% dei sostegni proprio alla mozione Zingaretti. I circoli continueranno. Votare fino al 23 gennaio.

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore