Pro Patria, che beffa. Il Piacenza fa festa al 90′

La capolista vince 1-0. Dopo un palo colpito e un paio di occasioni sprecate, i tigrotti subiscono il gol partita di Della Latta nei minuti finali di partita

piacenza pro patria

(Foto Facebook – Piacenza Calcio)

Pro Patria beffata al 90’, in una giornata segnata dal lutto per la scomparsa del padre di Ansoumana Sanè. Dopo una partita di sofferenza e sacrificio, gli uomini di Javorcic si inchinano 1-0 davanti al Piacenza, prima forza del campionato.

Gioia e tre punti per i piacentini, solo beffa e rimpianti per i tigrotti che comunque hanno tenuto testa fino alla (quasi) fine ad una delle favorite per la promozione in Serie B. Inizia a preoccupare il digiuno di gol in trasferta, l’ultimo arrivato a dicembre in casa della Pistoiese. Piacenza che invece con questi tre punti in extremis riesce ad riagganciare in vetta al Pro Vercelli.

PRIMO TEMPO – Pro Patria che al “Garilli” parte forte. La prima occasione del match è sui piedi di Mora, al 13’; l’ex della partita sfrutta il suggerimento di Le Noci per calciare da fuori area, ma il suo diagonale si spegne sul fondo sfiorando il palo. Al 18’ lo stesso Mora crossa dalla destra, in area combinano Gucci e Le Noci,
riuscendo così a servire Pedone, libero sulla sinistra, ma il suo tiro a pochi metri dalla porta è neutralizzato in corner da Fumagalli. Sugli sviluppi del calcio d’angolo nasce l’occasione più nitida di questo primo tempo dei biancoblù: cross di Le Noci, respinta della difesa sui piedi di Galli che controlla, evita un difensore e esplode un destro che si stampa sul palo. Sulla ribattuta la Pro segna, ma il gol è annullato visto il fuorigioco di 4 giocatori. Un Piacenza fino ad allora dormiente e compassato si risveglia negli ultimi dieci minuti mettendo a ferro e fuoco la porta bustocca. Al 35’ Sestu serve Ferrari, che in area si gira e calcia, conclusione deviata e bloccata in due tempi da Mangano. Due minuti dopo è la volta di Pergreffi, che ci prova dai 25 metri al volo, palla che non esce di molto. Al 38’ poi ancora Sestu semina panico sulla destra e crossa per Ferrari. L’attaccante piacentino impatta bene, ma Mangano sfodera un grande intervento che concede alla squadra di casa solo traversa e calcio d’angolo. Si conclude così la prima parte di gara.

LA RIPRESA – Secondo tempo che si apre con Javorcic che inserisce i muscoli di Mastroianni per andare al lottare là davanti. Comunque le occasioni sono poche e rare, il contrario dell’ultima parte di primo tempo. Al 57’ Santana, entrato cinque minuti prima, prova un mancino che finisce a lato e il Piacenza risponde subito con un bel destro a giro di Di Molfetta che trova la stessa sorte. Poi ancora i padroni di casa al 69’, con Pergreffi che sfrutta gli sviluppi di un calcio d’angolo per calciare al volo, palla alta. Biancorossi che vogliono i tre punti, davanti ai bustocchi a tratti compassati ma che resistono alla pressione. All’ 83’ ci prova Corradi con una rasoiata di sinistro che finisce sull’esterno della rete. Il momento da sfruttare per i tigrotti sarebbe all’88’, quando Ghioldi passa da sinistra e mette in mezzo. Dopo una mischia furibonda è ancora Ghioldi a calciare da due passi, ma il suo mancino termina fuori. Ed ecco che arriva il 90’, con beffa annessa. Piacenza tutto in avanti, sugli sviluppi di un angolo Corradi ha l’occasione di crossare: lo fa, bene, e trova la testa di Della Latta che senza neanche saltare buca Mangano per il gol che decide la partita e consegna tre punti al Piacenza lasciando la Pro Patria a mani vuote.

PIACENZA – PRO PATRIA 1-0 (0-0)

Marcatori: Della Latta (PIA) al 45′ s.t.

PIACENZA CALCIO 1919 (3-5-2): 1 Fumagalli; 5 Bertoncini, 6 Silva, 4 Pergreffi; 23 Corsinelli, 18 Della Latta, 21 Marotta (46′ s.t. 17 Porcari), 20 Di Molfetta (32′ s.t. 33 Perez), 25 Barlocco; 7 Sestu (18′ s.t. 31 Terrani), 9 Ferrari (32′ s.t. 10 Corradi). A disposizione: 12 Verderio, 22 Calore, 2 Sylla, 3 Cauz, 19 Bachini. All. Franzini.
AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 12 Mangano; 4 Battistini, 19 Zaro, 18 Lombardoni; 20 Mora, 21 Colombo (7′ s.t. 16 Fietta), 14 Bertoni (39′ s.t. 13 Gazo), 24 Pedone (25′ s.t. 23 Ghioldi), 3 Galli; 10 Le Noci (7′ s.t. 11 Santana), 9 Gucci (1′ s.t. 17 Mastroianni). A disposizione: 1 Tornaghi, 2 Marcone, 5 Molnar, 7 Parker, 8 Disabato, 15 Boffelli, 27 Cottarelli. All. Javorcic.
ARBITRO: Daniel Amabile di Vicenza (Massara e Terenzio).
Angoli: 4 – 1. Recupero: 2′ p.t. – 3′ s.t. Ammoniti: Battistini (PP); Note: Terreno di gioco in cattive condizioni. Spettatori 2185

RISULTATI: Albissola – Arezzo 1-2; Alessandria – Arzachena 0-1; Cuneo – Pro Piacenza 20-0; Novara – Pistoiese 1-1; Olbia – Carrarese 3-1; Pisa – Gozzano 2-0; Pontedera – Pro Vercelli 0-2; Robur Siena – Juve U23 3-2; Lucchese – Virtus Entella 1-1; Piacenza – Pro Patria 1-0.

CLASSIFICA: Pro Vercelli, Piacenza 49; Arezzo 46; Robur Siena, Carrarese 43; Pro Patria 40; Pisa 39; Pontedera 36; Novara 35; Juve U23, Cuneo 29; Gozzano 27; Olbia 24; Alessandria 23; Pistoiese, Albissola 22; Lucchese 21; Arzachena 20; Pro Piacenza 8.

di
Pubblicato il 17 febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore