Milo Manica guiderà la civica Allea

Una nuova lista in corsa alle elezioni di maggio. A guidarla un giovane candidato, conosciuto per il suo impegno nel mondo del volontariato sociale e ambientale

Milo Manica Allea Angera

C’è una nuova civica in corsa per le elezioni amministrative di maggio ad Angera. “Allea – L’Angera che serve” è il nome della lista che sostiene un giovane candidato Milo Manica.

Naturalista laureato in Scienze Naturali, “opera nell’ambito della conservazione della biodiversità”, oltre a essere “attivo da diversi anni nel mondo del volontariato sociale ed ambientale”. Ad affiancarlo in questo progetto anche Giacomo Baranzini, giovane designer e «una lista rappresentativa della società angerese, che prende le mosse da un gruppo di giovani cittadini preparati e determinati, a cui si sono uniti molti professionisti, donne e uomini con esperienze differenti, che condividono gli stessi valori e la volontà di cambiamento»

La lista ha scelto come nome un riferimento importante per gli angeresi, Allea, che racchiude “molto della visione che c’è alla base del progetto”: «Allea è infatti il nome del viale situato nel cuore di Angera, al centro della vita cittadina, e al tempo stesso rimanda alla necessità di creare un’alleanza, coinvolgendo giovani e meno giovani, in un’ottica inclusiva che va oltre i discorsi generazionali, per focalizzare piuttosto l’attenzione su aspetti estremamente urgenti e sentiti da tutta la comunità».

Il Programma della lista Allea, «frutto di un anno di lavoro, incontri e dialoghi con i cittadini, è riassumibile in cinque principali macro aree, che racchiudono poi al loro interno una serie di iniziative articolate e molto concrete». I cinque punti sono riguardano la difesa della salute e della qualità della vita; lo sviluppo turistico pianificato sulla base di eventi di qualità e dal forte impatto culturale; il comune al servizio del cittadino attraverso una serie di azioni coordinate con tutte le realtà del territorio; la promozione di un nuovo tipo di commercio basato sul km zero e dotando gli esercizi  commerciali esistenti degli strumenti adeguati per sopravvivere; una pianificazione territoriale, ambientale ed energetica della città

«Finalmente è tempo che torni la parola ai cittadini – dichiara Manica – che chiedono un’accelerazione per stare al passo coi tempi, hanno fiducia nella società civile fatta di tanti giovani e persone di esperienza che si uniscano in un’alleanza forte, per essere al servizio di tutta la collettività».

Secondo il candidato ciò che che serve è «una visione globale: Angera soffre da decenni di un’involuzione che ha prodotto un calo drastico del commercio locale, del lavoro e delle presenze turistiche qualificate; ora più che mai è necessario impostare un piano strategico di medio e lungo termine per invertire il senso di questa drammatica spirale discendente. Un piano che tenga conto di molti aspetti come la riqualificazione urbanistica e territoriale, il sostegno alla riorganizzazione socio-sanitaria, il rilancio del commercio e del turismo di qualità, la vicinanza ai cittadini con servizi concreti».

di
Pubblicato il 16 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore