“Quella volta che incontrai Niki Lauda in cabina di pilotaggio”

Il racconto, emozionato nonostante siano passati tanti anni, è di Anna Pezzi, agente di viaggi varesina d'adozione, ma emiliana di origine

Generico 2018

«Ero sul volo per le Barbados e in cabina di pilotaggio trovai Niki Lauda».

Il racconto, emozionato nonostante siano passati tanti anni, è di Anna Pezzi, agente di viaggi varesina d’adozione, ma emiliana di origine, volto molto conosciuto nel mondo delle due ruote del Varesotto.

«Ero giovane, al mio primo volo in assoluto – racconta -. Viaggiavo per lavoro e dovevo arrivare a Tobago, con scalo a Barbados. Presi il volo Lauda Air e allora si poteva ancora visitare la cabina di pilotaggio, era il 1994. Il personale di bordo mi ha accompagnato e alla cloche c’era lui, Niki Lauda, un idolo per me, che arrivo da una terra dove l’amore per la Ferrari si respira ogni giorno. Avevo 22 anni e ricordo ancora l’emozione, il suo cappellino rosso in testa, la sua simpatia. Non ricordo se fosse il primo o il secondo pilota, ma poco importa. È stato un incontro breve, ma lo porto dentro di me. Fece anche una battuta, qualcosa tipo: “Tranquilla, che non guido a vista”. Era un campione, a 360°».

Niki Lauda, tre volte campione del mondo di Formula 1 e leggenda dell’automobilismo, fondò la compagnia nel 1979: si narra che lo fece per continuare a pilotare “qualcosa” dopo l’addio alle corse automobilistiche.

di tommaso.guidotti@varesenews.it
Pubblicato il 21 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore