L’AD del Pastificio Rana riceve l’International Awareness Award dalla Fordham University

Un nuovo riconoscimento impreziosisce la carriera dell’Amministratore Delegato del Pastificio Rana, Gian Luca Rana

vario

Un nuovo riconoscimento impreziosisce la carriera dell’Amministratore Delegato del Pastificio Rana, Gian Luca Rana. Il 21 maggio scorso, infatti, l’imprenditore veneto ha ricevuto un ambitissimo premio in terra americana: l’International Awareness Awards, direttamente da una delle scuole americane più importanti per chi vuole diventare manager a New York: la Fordham University.

L’università ci ha tenuto a precisare anche le motivazioni per il quale Gian Luca Rana è stato insignito con questo prestigioso riconoscimento: il suo percorso imprenditoriale negli USA non poteva non esser premiato per il grande contributo valoriale, in linea con il modello formativo promosso proprio dall’ateneo per i suoi studenti. Insomma, una nuova soddisfazione che accresce ancor di più la popolarità del pastificio italiano più famoso e riconosciuto a livello mondiale.

La soddisfazione di Gian Luca Rana

L’Amministratore Delegato Gian Luca Rana si è subito mostrato orgoglioso del premio ricevuto dalla Fordham University. Lui stesso non ha nascosto l’emozione per un riconoscimento che premia “l’internazionalizzazione della mia azienda”. Non a caso, infatti, è proprio l’America uno dei Paesi che più ha dato soddisfazione all’azienda veneta nel corso degli anni. Dallo sbarco in USA ad oggi, infatti, i ricavi si sono sempre attestati intorno ai 300 milioni di dollari. Insomma, un dato davvero impressionante, considerando anche che lo sbarco del Pastificio Rana in terra statunitense è avvenuto solo nel 2012.

La storia di Gian Luca Rana: dalla piccola realtà del pastificio alla conquista dell’America

Gian Luca Rana comincia a lavorare da subito nel Pastificio del celebre padre Giovanni. A soli 20 anni, infatti, il giovane entra in azienda prima del settore acquisti, poi in quello produttivo. Il tutto quando ancora la realtà aziendale contava solo 30 dipendenti. Le scelte future attuate dal giovane imprenditore, però, riusciranno ad accrescere non solo il fatturato aziendale ma anche la brand awareness e la popolarità di un marchio che ormai si contraddistingue davvero in tutto il mondo.

A capo dell’azienda, Gian Luca sente subito la voglia di rafforzare ancor di più l’identità del suo brand: ed è per questo che decide di perseguire il suo personale sogno americano. È il 2012, quando il Pastificio Rana sbarca in America, precisamente a Chicago, dove viene aperto il primo stabilimento oltreoceano. Lo scopo dell’imprenditore era principalmente uno: offrire al cliente americano quell’italianità rintracciabile solo nei prodotti simbolo del nostro Paese, attraverso la commercializzazione di pasta e sughi pronti.

Da lì, il resto è storia: Gian Luca ottiene diversi riconoscimenti insieme al suo pastificio e nel 2017/2018, l’azienda Rana viene inserita nella lista delle 5 imprese con maggior crescita sul mercato a stelle e strisce.

Il Pastificio Rana oggi

Il successo del Pastificio Rana continua ad essere al giorno d’oggi davvero inarrestabile. L’azienda, infatti, continua a mietere un successo dopo l’altro. Per prima cosa, consideriamo il numero di stabilimenti aperti in tutto il mondo: dal giorno in cui Gian Luca Rana ha deciso di ampliare il suo mercato rivolgendosi anche all’estero, infatti, il Pastificio ha aperto i suoi stabilimenti in oltre 58 Paesi, oltre chiaramente ai numerosi presenti in Italia. Inoltre, conta un numero di dipendenti di oltre 3.200 persone: un dato che dal 1961 fino ad oggi è accresciuto in modo esponenziale. Insomma, delle cifre che non possono non essere considerate impressionanti e da capogiro per un’impresa davvero leader mondiale del settore della pasta fresca.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore