Piero “l’uomo di gomma”, torna nel “suo” negozio e si emoziona

Vi ha lavorato per 76 anni, prima come dipendente e poi come titolare. A dicembre ha chiuso l’attività ma rimane nel cuore di tutti i varesini

varese generiche

Piero Cermesoni aveva solo 11 anni quando, finita la scuola durante i mesi estivi, andava a lavorare nel negozio di Varese in via Aldo Moro che vendeva oggetti realizzati in gomma.

La vetrina, nel cuore della città aveva aperto nel 1941 quando il palazzo era stato costruito e il signor Pianezzola aveva alzato la saracinesca. Piero si appassiona a quel lavoro, al contatto con i clienti, agli ordini ai fornitori a quella materia così duttile e resistente che con il tempo ha riempito le case di tutti noi. Nel negozio di Piero si possono trovare gli oggetti più utili e particolari.

Nel 1975 ne acquista la licenza con la sua gentilezza e disponibilità e vi lavora fino al 2018 entrando nel cuore dei varesini che tutti chiamano “Il negozio Pirelli”. Accanto a lui la moglie Marisa e la figlia Daniela.

Oggi è tornato nel “suo” negozio per visitare la mostra dei progetti degli studenti del Politecnico nella seconda vita di quelle mura e non nasconde la commozione. A 87 anni è ancora gentile e disponibile e guarda con ammirazione questi giovani che con i loro progetti immaginano la città del futuro.

di erika@varesenews.it
Pubblicato il 08 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Che storia meravigliosa ed è bellissimo che i giovani l’abbiano conosciuto,sono insegnamenti che servono a crescere con sani principi. Complimenti al Signor Piero e tantissimi auguri.

    1. Scritto da PRDPhoto

      Trovo questo articolo demoralizzante..

      Al diavolo i progetti dei giovani designers. A loro non gliel’hanno certo detta la dura verita’!

      Ero presente nei tristi giorni della chiusura dove moltissimi cittadini entrando si indignavano per l’ennesimo insulto ai negozi storici Varesini chiusi contro la volonta’ dei proprietari solo perche’ situati in quel maledetto palazzo inps, da amministrazioni avide scellerate e senza scrupoli!
      Ormai rimane solo il droghiere Vercellini..e andrebbe sostenuto!
      VARESINI SVEGLIATEVI!

Segnala Errore