In giunta non ci sono donne, il Comune fa un “bando”

L'opposizione in consiglio comunale fa notare che non vengono rispettate le "quote rosa" e chiede che ci si attivi per cercare persone disposte a mettersi in gioco. Ma al bando non risponde nessuno

quote rosa

La nuova giunta di Brunello non rispetta le “quote rosa”, l’opposizione incalza e chiede che si faccia il possibile per trovare una donna che sieda sulla poltrona di assessore.

Una situazione inconsueta, diciamo, per un piccolo comune, che ha avuto un esito ancora più singolare: il Comune ha fatto un “avviso” (lo trovate qui)  per cercare un assessore, ma il bando è andato deserto.

Tutto è partito da una mozione presentata in consiglio comunale dall’opposizione Brunello Orizzone Comune: «Ci hanno contestato il fatto che nella mia giunta non ci fosse nemmeno una donna – spiega il sindaco Andrea Dall’Osto – ma la verità è che l’unica candidata a quel posto non se l’è sentita e ha fatto un passo indietro. Così sono rimasti solo assessori uomini».

Brunello Orizzone Comune ha anche spiegato pubblicamente con un post su Facebook la sua posizione: «Il Comune ha pubblicato un avviso all’albo pretorio per la “nomina di assessori nel rispetto della parità di genere” – si legge -. Come sostenevamo, e come d’altra parte stabilisce lo Statuto, occorre che la giunta veda la presenza di un assessore donna, nella rappresentanza si conta anche il sindaco, per cui solo con un sindaco donna potrebbero esserci due assessori uomini. L’avviso però da solo non basta: le sentenze della giustizia amministrativa che abbiamo trovato richiedono che il tentativo di trovare un’assessore donna sia attivo e (come si usa dire) concludente, fatto in modo da arrivare ad una soluzione. Non quindi formale e passivo.

Le donne della lista in carica sono tre, per cui due possono essere ancora interpellate. I voti della lista vincente sono stati poco più di 330, per cui contandone a spanne metà di donne e comprendendo quelle tra i 30 e 60 anni arriviamo almeno ad una cinquantina di persone che possono essere contattate per ricoprire la carica.  Forza, elettrici del cambiamento, mettetevi in gioco! Fatevi avanti!».

L’appello della minoranza è caduto nel vuoto e all’avviso non ha risposto nessuno. «Non ci è chiaro che cosa dovremmo fare secondo l’opposizione: andare casa per casa a reclutare le persone? – conclude il sindaco – Anche a noi sarebbe piaciuto avere una donna al governo, ma se non se la sentono non possiamo pressarle. Siamo certi che col passare del tempo e con un po’ di esperienza si faranno avanti. L’ho detto fin da subito che nella giunta ci sarebbe stata una rotazione degli assessori. E così sarà»

di
Pubblicato il 28 agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore