Lavori sulla statale, summit a Luino

Non ancora definita la data di inizio dei lavori. I sindaci alla ricerca di soluzioni per i picchi di traffico e sicurezza

Avarie

Sicurezza della percorribilità, capienza della strada, valutazione dei picchi di traffico e ricerca di soluzioni le migliori possibili per una statale, la 394 che collega Luinese alla Svizzera e che a breve verrà investita per la lunghezza di oltre un chilometro e mezzo da una serie di cantieri.

Positivo l’importo di spesa che Anas ha messo sul piatto – si parla di 9 milioni – , per lavori che rappresentano però anche una preoccupazione per gli amministratori locali, che questo pomeriggio si sono dati appuntamento attorno a un tavolo nella sala consiliare di Luino per discutere in termini operativi del cantiere. Presenti sindaci e rappresentanti di Luino, Maccagno e Tronzano, presenti forze dell’ordine vigili del fuoco, oltre ad Anas.

La buona notizia è che è stato deciso l’allargamento dei calibri stradali con l’estensione della larghezza da 2,5 a 3 metri, quindi cambia in positivo la percorribilità.

«Rimane tuttavia la grave limitazione delle 7,5 tonnellate di peso massimo dei mezzi, oltre la quale non si potrà andare», ha commentato il sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca Fabio Passera, «è un problema per tutta una serie di veicoli che non potranno transitare, se non in caso di deroghe. Sul punto dovremo confrontarci per dare il minor disturbo alle attività produttive».


Per questo mercoledì prossimo, 2 ottobre alle 11 è stata fissata una riunione a Maccagno in Comune congeli stakeholders: operatori e portatori d’interessi per ascoltare desiderata e criticità.

Restano al vaglio degli amministratori i piani “b” per il transito: c’è la bretella che da Colmegna permette in direzione Dumenza di raggiungere le Motte a Luino anche se la portata massima della strada è di 3,5 tonnellate: un problema per molti trasporti.

Resta aperta l’ipotesi di un possibile potenziamento del treno non solo in chiave di trasporto frontaliero, ma anche turistico, in vista del mercato del mercoledì, a Luino.
Insomma, la situazione è in divenire dopo l’annuncio del grande investimento di Anas per il consolidamento dei viadotti, tanto che non è ancora stata resa nota una data di inizio lavori.

Per il sindaco di Luino Andrea Pellicini si è trattato comunque di una «riunione molto positiva poiché i comuni di Luino e Maccagno hanno sottoposto all’attenzione di Anas diverse problematiche inerenti la sicurezza. Su questo punto è intervenuto anche il comandante provinciale dei vigili del fuoco, l’ingegner Albanese che ringrazio per il suo interessamento. Abbiamo ragionato come poter garantire ogni possibile soccorso durante i lavori».

Anche Pellicini ha confermato la presenza di altri incontri sul tema prima dell’inaugurazione dei canteri. Confermato inoltre che Anas effettuerà verifiche puntuali su traffico e orari di impiego della strada prima dell’inizio dei lavori che verranno gestiti con un senso unico alternato per l’intera durata.

di
Pubblicato il 24 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore