Una settimana di eventi contro la violenza sulle donne

L'assessorato ai servizi sociali propone un programma di eventi a partire dal 19 novembre

settimana violenza donne

In tutto il mondo, a partire dal 1999, il 25 novembre ricorre la giornata internazionale dedicata all’eliminazione della violenza contro le donne. Da ormai vent’anni, sono diversi gli enti e le associazioni che si mobilitano per la sensibilizzazione riguardo una tematica importante che non può e non deve essere taciuta. Fra le tante iniziative, il Comune di Angera ha deciso di “estendere” la giornata contro la violenza a un’intera settimana, proponendo un ricco programma al fine di poter coinvolgere tutta la cittadinanza a una serie di iniziative specifiche: da corsi dimostrativi di autodifesa a spettacoli con le bolle di sapone, da partite di mini volley alla mostra realizzata con la partecipazione dei ragazzi delle scuole.

«Ad Angera i servizi sociali sono sempre molto attenti alla tematica, seguita con cura durante l’anno – dichiara l’assessore Antonio Campagnuolo -. Quest’anno però, volevamo provare a fare qualcosa di più, così abbiamo organizzato una settimana intera». Il progetto di sensibilizzazione, dal titolo “Com’è Possibile?”, partirà martedì 19 novembre in sala consiliare con l’inaugurazione della mostra-evento di Michela Prando “Un Women” per concludersi lunedì 25, giornata internazionale contro la violenza di genere, con lo spettacolo “Datemi un bianchetto”, sempre a cura di Michela Prando.

«Il tema – aggiunge Campagnuolo – verrà affrontato sotto varie forme e coinvolgendo platee differenti (dai bambini agli adolescenti, sino agli adulti) attraverso specifiche attività tese a enfatizzare le tante forme di violenza praticate contro le donne e gli sforzi compiuti in differenti regioni del mondo per prevenirne la diffusione. Inoltre – ricorda l’assessore – il 24 novembre l’Amministrazione Comunale inaugurerà una panchina rossa posizionata sulla passeggiata del lungolago come simbolo permanente in Angera contro la violenza sulle donne ed in favore delle pari opportunità».

PROGRAMMA:

Si comincia martedì prossimo alle ore 18 con la mostra d’apertura “Un Women” a cura di Michela Prando, la quale ha allestito in sala consiliare di Angera cinquanta tavole. Oltre alle tavole verrano anche esposte tre lavagne composte dai ragazzi delle classi seconde della Scuola Secondaria, e realizzate dopo quattro ore di intervento di sensibilizzazione sul tema da parte della Prando.

Prevista per mercoledì 20 (ore 21) la proiezione in sala consigliare del film “Ti dò i miei occhi” di Iciar Bollain con commento dell’esperto cinematografico Marco Marchetti e moderato dalle referenti dell’associazione Donna Sicura.

Giovedì 21 (ore 21) ci sarà invece una serata teorico-pratica di autodifesa, resa possibile anche grazie a una dimostrazione di difesa personale dell’istruttore Roberto Lopresti

Venerdì 22 (ore 21) avrà luogo il convegno che dà il titolo all’intera settimana: Com’è possibile?. Assieme alle volontarie di Donna Sicura, della casa rifugio Felicita Morandi e di Rossella Dimaggo, parlerà delle difficoltà delle donne sul percorso di uscita della violenza.

Sabato 23 (ore 18) alla palestra comunale delle scuole medie il Volley Angera organizza “Essere forti è un gioco da ragazzi”: partire di pallavolo a squadre miste con le atlete della società, genitori e chiunque sia interessato. Seguirà un apericena finale.

Domenica 24 doppio appuntamento: alle ore 15 lo spettacolo “Arcobaleni: Scoppia gli stereotipi” per bambini e famiglie con le bolle di Sapone. Finito lo spettacolo, alle 16:15, ci sarà l’inaugurazione in Piazza Garibaldi della panchina rossa contro la violenza sulle donne in favore delle pari opportunità.

L’evento finale sarà lunedì 25 con lo spettacolo comico civico “Datemi un bianchetto”, a cura di Michela Prando per abbattere il muro degli stereotipi e conoscere storie di donne che hanno fatto la storia.

di
Pubblicato il 13 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore