Bike sharing, tre persone a processo

Le persone coinvolte, un dirigente comunale, un professionista e una imprenditrice, sono accusate di concorso in falso ideologico e in truffa aggravata

ciclabile lago Comabbio Varano Borghi lavori 2019

L’inchiesta della Guardia di Finanza era iniziata nel 2016 e ieri, lunedì 27 gennaio, sono state tre le persone a finire sul banco degli imputati del Tribunale di Varese. Le persone coinvolte, un dirigente comunale, un professionista e una imprenditrice, sono accusate di concorso in falso ideologico e in truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

L’indagine della Guardia di Finanzia di Luino è iniziata quando Regione Lombardia ha finanziato tramite bando tre progetti per la realizzazione di piste ciclabili nel Varesotto. In particolare, il processo di ieri, ha riguardato i contributi erogati per la realizzazione della pista ciclopedonale tra Laveno Mombello e Cittiglio, all’interno di un progetto di “mobilità mobile” per di 800 mila euro.

Gli indagati sono accusati di aver ricevuto quei fondi indebitamente con documenti falsi e a lavori mai eseguiti o parzialmente, in modo particolare per quanto riguarda il servizio di bike sharing. Accuse che il collegio difensivo contesta, puntando a dimostrare che le opere furono eseguite come da progetto.

“Bike Shadow”, tre i progetti sotto la lente della Gdf

Foto di repertorio

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore