Puntualizzazioni e numeri per la Fondazione Bernacchi

L'ex direttore Sgubin chiarisce il senso del suo intervento sulla fondazione mentre Beccari ricorda l'andamento degli ultimi bilanci

fondazione bernacchi

«Non tornerei neanche se mi chiamassero perchè ho altre cose e lavori da svolgere (nel settore dei servizi alla persona)». Fuga ogni dubbio sul futuro sul futuro alla Fondazione Bernacchi l’ex direttore Sergio Sgubin che era intervenuto sulla questione della crisi aperta da tre consiglieri del CdA.

Le parole del consigliere d’opposizione Beccari, che da tempo sostiene una volontà dell’attuale amministrazione di voler ripristinare una figura manageriale che, secondo lui, non è prevista dallo Statuto, ha indotto Sgubin a chiarire il senso delle sue parole. Rivendica la sua incompatibilità con l’attuale compagine direttiva e assicura di non aver contatti con il sindaco Alberio da almeno 4 anni: « Spero che la situazione alla Bernacchi venga risolta e si ritorni alle gestioni sane e qualitative, tutto qua. Non serve altro, solo competenze, umiltà e consapevolezze che il bene comune e le fragilità vanno tutelate al meglio». 

Prende atto della volontà dell’ex direttore il consigliere d’opposizione Beccari che quindi rimette l’attenzione alla salute finanziaria dell’ente per riassumere con i numeri la realtà odierna : « Bilancio 2014 passivo 429mila; bilancio2015 passivo 283mila, bilancio 2016 utile 24mila; bilancio2014 utile 146mila; bilancio 2018 utile 131mila. Atteniamoci a i fatti e liberiamoci dalle solite barbarie e dallo stantio  chiacchiericcio paesano.
Rispetto alle dichiarazioni della sindaca Alberio, dobbiamo renderla edotta che nel bilancio della Fondazione Bernacchi il mutuo non è omesso bensì appare nelle dovute poste di bilancio che ciononostante chiude in  utile, peraltro di importo non irrilevante».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore