Finiti i reimpatri, Easyjet mette a terra tutta la sua flotta

A livello globale effettuati più di 600 voli di rimpatrio per riportare a casa oltre 41.000 persone

Il nuovo Airbus A321 neo di Easyjet

A seguito delle restrizioni di viaggio – senza precedenti – imposte dai Governi in risposta alla pandemia del Coronavirus e dell’implementazione di regimi di confinamento in molti Paesi europei, EasyJet ha messo a terra la sua intera flotta di aerei da oggi, lunedì 29 marzo.
Negli ultimi giorni la compagnia ha lavorato alacremente per il rimpatrio di numerosi passeggeri, operando oltre 650 voli di rimpatrio e riportando a casa più di 45.000 persone. Gli ultimi voli di rimpatrio sono stati effettuati ieri, domenica 29 marzo 2020. Continueremo a lavorare con gli enti governativi per effettuare ulteriori voli di rimpatrio qualora richiesto.

“In questa fase non è possibile stabilire con certezza una data di ripresa dei voli commerciali. Continueremo a monitorare regolarmente le normative e lo stato della domanda e forniremo un aggiornamento al mercato non appena possibile. Continueremo a intraprendere tutte le azioni possibili per eliminare i costi e le spese non cruciali per l’azienda a ogni livello, al fine di contribuire a mitigare l’impatto del COVID-19. La messa a terra degli aerei ha un impatto significativo in tal senso”.

EasyJet dice che può contare su uno stato patrimoniale solido, senza debiti da rifinanziare fino al 2022. “Siamo in continua discussione con gli istituti di credito che riconoscono la forza del bilancio e del modello di business”.

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha commentato: «Sono estremamente orgoglioso del modo in cui le persone di easyJet si sono fatte avanti e hanno dato il meglio di sé in un momento così difficile, compreso il fatto che molti membri dell’equipaggio si sono offerti volontari per effettuare voli di rimpatrio per consentire ai nostri clienti di tornare a casa. Continuiamo a lavorare instancabilmente per garantire che easyJet sia ben posizionata per superare questo momento di difficoltà».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.