Quantcast

La Openjobmetis perde i pezzi: Clark torna negli Usa

L’americano lascia la squadra per raggiungere la moglie incinta ed evitare le limitazioni per il coronavirus. Fallita la mediazione di compagni e società

Openjobmetis - Oriora Pistoia

Nuovo, serissimo, problema di… personale in casa Pallacanestro Varese: anche Jason Clark, uno dei giocatori più positivi del periodo recente, ha deciso di lasciare la squadra e tornare negli USA.

La guardia di Washington già da qualche giorno aveva espresso questa volontà ma società e compagni avevano lavorato “ai fianchi” sperando in un ripensamento: ancora sabato pomeriggio il g. m. Andrea Conti confidava in una soluzione positiva.

Clark invece ha scelto in senso opposto: il giocatore teme – restando in Italia – di non poter tornare in tempo negli States per il 20 marzo quando cioè la moglie partorirà. Varese aveva già concesso a Clark  – come a Moore l’anno scorso – un permesso di alcuni giorni ma le limitazioni e i problemi di spostamento ed eventuale isolamento dovuti al coronavirus hanno convinto l’americano a volersene andare subito.

Al di là del virus, “Radio Masnago” riporta anche di un rapporto sempre difficile con Attilio Caja (ricordiamo che già a fine dicembre Clark era stato vicino all’addio, prima di sfodererò alcuni ottime prove): il lungo periodo senza partite, fatto solo di lavoro in palestra, non ha certamente favorito la situazione. Per la terza volta in questa stagione (era già accaduto con Riccardo Cervi ed L. J. Peak) quindi, un componente della squadra lascia la compagnia.

Da un paio di giorni comunque, lo staff Openjobmetis è tornato al lavoro per individuare un sostituto di Clark, anche se i primi nomi emersi non hanno convinto Caja. Rimpiazzare l’americano (in modo convincente) non sarà facile perché la situazione legata al coronavirus potrebbe spaventare più di un soggetto, perché i trasferimenti interni alla Serie A non sono più praticabili (scaduto il limite temporale: esclusi quindi i vari Young o Mekel, fuori dai programmi di Cantù e Reggio) e inoltre a Caja serve tempo per l’inserimento in un sistema relativamente complicato. Ma il tempo è poco e i soldi non abbondano.

Di seguito il comunicato diffuso in tarda mattinata dal club biancorosso

«Pallacanestro Openjobmetis Varese comunica che nella giornata di oggi è stata firmata la risoluzione consensuale del contratto con Jason Clark.
La società biancorossa ha scelto di accogliere l’inaspettata richiesta del giocatore che, preoccupato dall’evolversi dello scenario epidemiologico nel nostro territorio, ha manifestato la volontà di raggiungere in America la moglie incinta e prossima al parto.
A Clark vanno i ringraziamenti per l’impegno profuso durante il periodo di permanenza con la maglia biancorossa e i migliori auguri per il prosieguo della sua carriera».

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 02 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore