Whirlpool: “Niente blocchi di merci e persone si continua a produrre”

Azienda e Rsu stilano il decalogo per contrastare il Coronavirus. Martedì 10 marzo previsto un altro incontro

whirlpool protesta sciopero 17 novembre 2011

Alla Whirlpool di Cassinetta di Biandronno si continuerà a produrre, ma con una serie di precauzioni. In una nota congiunta, l’azienda e la rsu di Fiom, Fim e Uilm fanno sapere che: «Con riferimento al decreto pubblicato in data 8 marzo dalla presidenza del consiglio dei ministri e relativo alle nuove disposizioni in materia di salute e sicurezza pubblica riguardante l’estensione della zona rossa a tutta la regione Lombardia e alle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini in Emilia Romagna; Pesaro e Urbino nelle Marche; Venezia, Padova, Treviso in Veneto; Asti, Alessandria, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli e Novara in Piemonte, come da nota ricevuta da Confindustria, si conferma che rientrano tra le “comprovate esigenze lavorative” tutte le attività di impresa».

«Il decreto – continua la nota – non impone il blocco delle attività produttive, delle attività lavorative, né tantomeno il blocco dei trasporti e della circolazione delle merci da e per le zone rosse. Si informano, pertanto, tutti i lavoratori che: le attività continuano e quindi il tragitto casa-lavoro è consentito. Non sono previsti blocchi di persone né di merci».

Gli autotrasportatori non potranno scendere dai mezzi e dovranno essere muniti di mascherine e guanti monouso. Se il carico e scarico richiede la discesa dal mezzo dovrà essere mantenuta la distanza di sicurezza, di almeno un metro. Infine la documentazione di trasporto dev’essere trasmessa in via telematica.

Nel sito di Cassinetta di Biandronno, il polo dell’incasso della multinazionale americana, nell’ottica di una maggior prevenzione a tutela della salute dei dipendenti sono state condivise e introdotte ulteriori norme in aggiunta a quelle precedentemente comunicate.

DICHIARAZIONE DI APPARTENENZA
Per i dipendenti che risiedono al di fuori della Lombardia l’azienda ha predisposto una dichiarazione di appartenenza che verrà fornita entro il 9 marzo, come da disposizione delle autorità competenti è possibile nel frattempo viaggiare con il badge aziendale.

CAMIONISTI E AUTOTRASPORTATORI
Gli interessati devono recarsi alla reception ed evitare le operazioni di scarico e scarico e rimanere il più possibile sul camion evitando il contatto con altri dipendenti. In questo periodo vige il divieto di consumare cibi e bevande presso le mense. Devono indossare la maschera fornita dalla security all’ingresso. L’azienda prenderà le necessarie misure per il rispetto di questa disposizione.

MENSA
A partire dalla prossima settimana a scopo puramente precauzionale gli operatori della mensa indosseranno i guanti monouso e le apposite mascherine. Proseguirà la distribuzione delle posate e del pane con l’attuale modalità. Apertura della terza linea negli orari di punta, al fine di evitare code. A partire da lunedì 9 marzo si introdurranno degli orari mensa alternativi a quelli attuali per garantire un afflusso scaglionato presso i locali mensa. Gli orari saranno oggetto di un’apposita comunicazione dopo consultazione con la Rsu. Durante la presenza nel locale mensa si dovrà rispettare la distanza di un metro durante la coda e sedersi al massimo due per tavolo (non di fronte l’uno all’altro). I dipendenti che effettuano il turno delle 7 ore e 10 sono invitati a consumare i pasti presso la propria abitazione e non recarsi presso i locali mensa.

SECURITY E RICEVITORIA
A scopo puramente precauzionale il personale della vigilanza indosserà guanti e maschere di protezione. A scopo meramente precauzionale il personale della vigilanza e della ricevitoria dovrà relazionarsi con i fornitori e autisti, esclusivamente attraverso la reception o lo sportello. In casi eccezionali qualora il personale della security e della ricevitoria, dovesse uscire dai locali interni dovrà utilizzare guanti e mascherina di protezione.

SERVIZIO PULIZIA
A scopo meramente precauzionale il personale della società di pulizia indosserà guanti e maschere di protezione. Verrà chiesto alla società che effettua il servizio di pulizia, di aumentare il numero dei passaggi relativamente ai servizi igienici, le aree ristoro, le mense e gli spogliatoi come da indicazione dell’ATS Regione Lombardia

SALE RISTORO
L’accesso alle sale ristoro sarà consentito nel limite massimo che verrà individuato ed affisso all’ingresso delle sale. I dipendenti sono invitati a non sostare all’interno delle sale più del tempo necessario. I fumatori sono invitati a non fumare presso le sale ristoro e a recarsi presso i punti fumo all’esterno delle fabbriche.

SPOGLIATOI
I dipendenti sono invitati ad arrivare possibilmente al lavoro già con gli appositi indumenti di lavoro soprattutto se impiegati sulle linee di produzione. L’accesso agli spogliatoi sarà consentito fino al limite massimo che verrà individuato ed affisso all’ingresso degli stessi.

TRASPORTI
I dipendenti sono invitati a non sedersi affianco sull’autobus e a rispettare la distanza di 1 metro durante la salita e la discesa dei mezzi.

INFERMERIA
Per tutta la durata del decreto è sospesa la sorveglianza sanitaria. L’accesso all’infermeria verrà così regolato: convocazione visite mediche ogni 20 minuti, chiamata del lavoratore successivo dopo l’inizio della visita precedente. Rimangono sospese le spirometrie.

ALTRE MISURE
I consulenti e il personale non dipendente che ha autorizzazione ad accedere al sito attraverso apposito badge dovrà transitare esclusivamente attraverso la portineria centrale. A partire da oggi, lunedì 9 marzo, si valuterà tra le parti, la possibilità di organizzare cambi individuali, per ridurre l’afflusso presso le sale ristoro o servizi.

Azienda e sindacato invitano tutti i dipendenti ad attenersi alle norme generali fin qui esposte. Continuerà il confronto tra le parti, anche nel corso della giornata di domani, per valutare ulteriori azioni e verificare quanto già definito anche in merito all’ultimo decreto o derivanti da nuovi decreti, regionali e ministeriali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore