Coronavirus e badanti in nero, parte la corsa per regolarizzarle

Sono tante le famiglie che in questi giorni stanno capendo l’importanza di avere una badante in regola. Ne abbiamo parlato con Danilo Arcaini dell’Agenzia per il Lavoro Family Care

badante casa anziani

«Non abbiamo mai ricevuto così tante chiamate di famiglie che volevano regolarizzare la propria badante». Il telefono, nellufficio Danilo Arcaini, responsabile dellAgenzia per il Lavoro Family Care, continua a suonare. «In passato succedeva meno spesso – racconta – mentre adesso sono tante le famiglie che si sono rese conto dell’importanza delle tutele e delle garanzie che dava una badante in regola».

Il lavoro con gli anziani, nel pieno dellemergenza Coronavirus, si è fatto ancora più delicato. Un lavoro che deve procedere su due binari: badanti e famiglie. «Noi abbiamo dato precise istruzioni a tutte le nostre assistenti familiari – spiega – e abbiamo fornito mascherine e guanti a chi ne fosse sprovvista. Abbiamo anche cercato di ridurre i momenti a rischio e in questi casi è fondamentale lavorare anche con le famiglie. Se infatti è già meglio evitare contatti tra le famiglie e gli anziani, è ancora più importante farlo quando in casa c’è la badante per ridurre le occasioni di possibile contagio. Capita anche quindi che, per evitare queste situazioni, sia la stessa badante ad andare a fare la spesa per il suo assistito».

Tutte procedure e attività che vengono organizzate e concordate con lagenzia. «Noi siamo aperti e continuiamo ad operare sia per dare indicazioni precise sulle norme di comportamento e legali da seguire, ma anche per fare da interlocutore alle famiglie che sono ovviamente spaventate da questa situazione».

Attività che, naturalmente, nel mondo sommerso non ci sono e che possono generare diversi problemi. «Con Family Care, ad esempio, facciamo firmare un documento sulle condizioni di salute sia alla badante che all’anziano accudito – precisa Arcaini -; avendo un contratto regolare, le assistenti non hanno problemi con posti di blocco e autocertificazioni e nel caso in cui dovessero avere problemi, anche di salute, lagenzia garantisce la sostituzione». Con il mondo del lavoro in nero tutto questo non c’è e in più «oggi più che mai, nel caso in cui lanziano dovesse stare male, la badante irregolare potrebbe avere delle remore prima di chiamare i soccorsi».

Per questi motivi «noi stiamo continuando ad accudire i nostri anziani e abbiamo iniziato anche a supportare le famiglie che volessero regolarizzare la propria situazione con incontri e colloqui anche su WhatsApp – chiosa Danilo Arcaini – perché mai come in questi casi di grossa paura si capisce limportanza di tutelare i nostri beni fondamentali: badanti e famiglie».

Per maggiori informazioni visita il sito www.familycarebadanti.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore