IHL: le società pronte a ripartire con le stesse regole

I Mastini e gli altri club che compongono la Lega hanno tracciato le linee guida per il prossimo torneo. C'è accordo con la Federazione; tra gli obiettivi lo sviluppo delle giovanili

Hockey: al Palalbani Mastini e Merano - foto di roberto gernetti

Avanti insieme, e con le stesse regole del campionato scorso, quello troncato all’inizio della pandemia e rimasto senza vincitori né vinti. Il documento redatto e diffuso dalle società che compongono la Italian Hockey League lascia ben sperare per una ripartenza di quello che è il secondo torneo nazionale di hockey su ghiaccio e – cosa non scontata – fa trapelare una gradita unità di intenti con la Federazione la quale si è resa disponibile ad azzerare una serie di costi per venire incontro alle esigenze economiche dei club.

Il comunicato congiunto delle undici protagoniste della IHL (tra esse naturalmente anche i Mastini Varese, seconda forza del torneo al momento dello stop) serve a delineare quel che sarà l’ossatura della stagione 2020-21, compatibilmente – ma questo è ovvio – con le restrizioni che verranno emesse in ambito sanitario per ridurre al minimo i rischi per giocatori, addetti ai lavori e spettatori.

Il prossimo campionato, quindi, sarà disputato nei tempi e con le regole utilizzate nel recente passato sia per quanto riguarda la formula, sia per l’utilizzo di giocatori stranieri. IHL mette però in primo piano la necessità di proseguire lo sviluppo delle formazioni giovanili: una necessità concreta per la sostenibilità delle squadre (che potrebbero avere giocatori di utilizzare al più presto nella formazione senior) ma anche per il movimento azzurro. L’Italia sarà infatti qualificata di diritto al torneo Olimpico del 2026 in qualità di Paese organizzatore, ma per competere a quel livello è necessario avere una base di scelta che sia la più ampia possibile.
Ecco quindi il comunicato integrale della IHL.

«In un periodo di continue incertezze, le società della IHL, dopo vari incontri (in via telematica), stanno definendo le basi per la nuova stagione.
Nell’ultimo incontro degli 11 team che compongono il campionato IHL, sono state prese unanimi decisioni per la definizione delle future attività, tenendo in considerazione le eventuali possibili restrizioni dovute al diffondersi della pandemia di Covid-19.
Preso atto dei soddisfacenti passi in avanti durante gli ultimi 4 anni di collaborazione, le società della IHL intendono proseguire sulla strada già percorsa. Partite, numero di stranieri e ultime novità presentate al pubblico nello scorso campionato, sono confermate.
Naturalmente in un progetto di simile complessità la riapertura degli impianti in tempi adeguati, norme di comportamento certe per la gestione dell’epidemia ed il coinvolgimento di sponsor e pubblico saranno imprescindibili per il successo del nostro campionato IHL. Si prevede la ripartenza degli incontri entro i termini delle stagioni scorse compatibilmente con la situazione pandemica, al fine di salvaguardare la salute dei nostri atleti.

I criteri principali rimangono quelli di mantenere il buon livello tecnico raggiunto, i soddisfacenti successi di pubblico fin qui ottenuti, proseguendo lo sviluppo delle squadre giovanili, con pronto inserimento dei giocatori più preparati e meritevoli nei roster delle squadre della IHL.
L’obiettivo è quello di far crescere i giovani giocatori italiani, anche in prospettiva delle future Olimpiadi invernali che si disputeranno in Italia nel 2026.

La crescita dell’intero movimento non potrà prescindere da una fattiva collaborazione con la Federazione che già in questo periodo di difficoltà si è dimostrata sensibile alle esigenze delle società, azzerando i costi arbitrali, di cronometraggio e di iscrizione per il campionato della prossima stagione.
Con queste chiare idee la IHL si pone come idoneo interlocutore nel variegato mondo dell’hockey italiano, offrendo un prodotto sportivo altamente qualitativo, in sinergia con le esistenti realtà già consolidate».

Le società di IHL

di
Pubblicato il 14 Maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.