Protesta a Gallarate contro il coprifuoco

Una trentina di ragazzi ha manifestato contro le Forze dell’Ordine impegnate a far rispettare le regole. Il duro commento del Sindaco

Serata di protesta ieri a Gallarate, intorno alle 22.30 nel cuore della città in Piazza Libertà un gruppo di ragazzi ha manifestato contro le Forze dell’Ordine impegnate a far rispettare le regole del coprifuoco emesse dall’ordinanza Regionale. Insulti e cori senza mascherina né distanza di sicurezza. Fonte del video: pagina Facebook Sei di Gallarate se (nella foto, un frammento del video).

Generica 2020

Immediato il commento del Sindaco Andrea Cassani che su un lungo post su Instagram condanna l’accaduto:

«Questa sera alle 22:45 una cinquantina di ragazzi e ragazze (che evidentemente non hanno una famiglia che si interroga su dove siano i propri figli) ha inscenato una protesta contro il lockdown insultando le Forze di Polizia. Ora, premesso che siamo in tanti a non condividere le misure che ledono la libertà personale, organizzare pagliacciate vergognose (che prendono spunto dalle proteste di Napoli) non è evidentemente la cosa più intelligente che si possa fare per far valere i propri diritti. Tuttavia quello che fa indignare maggiormente, oltre alla strafottenza e all’ignoranza di questi baby-manifestanti, è che questi protestavano non con uno scopo preciso ma solo per far casino! Tra loro non ho visto imprenditori preoccupati perché rischiano di non rialzare più le serrande, non ho nemmeno visto operai che rischiano di finire disoccupati… Ho visto solo qualche giovane con in mano un cartello con scritto “legalize it” (ovvero legalizza la marijuana) e un po’ di slogan scopiazzati dai corteo di Napoli e di Milano. Uno spettacolo vergognoso di ragazzi tra i 17 e i 20 anni che più che diritti avrebbero bisogno di educazione. Gallarate sta dalla parte delle Forze dell’Ordine, senza se e senza ma».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Ecco per chi stiamo facendo tutte queste sofferenze….dura spacciare la droga alla mattina vero? Non trovate i vostri clienti abituali.
    Questa feccia la manderei in Cina…solo andata. Stiamo consegnando questo paese in mano a degli inetti la cui priorità è bere e drogarsi.

Segnala Errore