A Malnate una scalinata arcobaleno per la Giornata per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Oggi, 20 novembre, sono state aggiunte due poesie di Gianni Rodari per completare l'opera

La scalinata arcobaleno di Malnate

Un’esplosione di colori ha riempito in questi giorni la scalinata pedonale di via Pola, la strada che collega via Diaz a via Trieste a Malnate a poche centinaia di metri dalla scuole elementare “Battisti”.

Galleria fotografica

La scalinata arcobaleno di Malnate 4 di 4

La scalinata è stata ripulita dal muschio e dall’erba e colorata in stile arcobaleno. Gli ultimi dettagli sono stati aggiunti questa mattina, venerdì 20 novembre, in occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Diverse le persone che si sono date da fare: l’assessore Maria Croci, il consigliere comunale Cristina Manfredi, Bruno Innocenti, Mauro Carcano, Martina Caproni e Loredana Ghirardini.

A completamento dell’opera sono state aggiunte due poesie di Gianni Rodari: “La Pelle” e “A un Bambino Pittore”.

«É una scala – spiegano – che vuole sottolineare l’inclusione e la bellezza di un mondo colorato. La scala ê percorsa ogni mattina da numerosi bambini che vanno a scuola».

 

Pubblicato da Malnate. La città delle bambine e dei bambini su Venerdì 20 novembre 2020

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 Novembre 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La scalinata arcobaleno di Malnate 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.