Bloccati in auto per ore sulla Statale 36 del Lago di Como

Domenica sera si sono formati 25 km di coda in direzione Milano

Generica 2020

Una lunghissima coda di macchine si è formata domenica sera sulla strada statale 36 del Lago di Como e dello Spluga (SS 36), la principale via d’accesso alla Valtellina. Per ore le automobili che stavano rientrando verso Milano sono rimaste bloccate lungo la statale ben prima di entrare  a Lecco. Il cartello stradale luminoso alle 22 indicava  una coda di venticinque chilometri (foto).

Le cause dei rallentamenti e delle code potrebbero essere i lavori di manutenzione che Anas sta svolgendo dal km 58.600 al km 56.900 con la chiusura di una corsia. E dal km 83.900 al km 85.000 per la chiusura della corsia di sorpasso nella galleria del monte Piazzo per lavori di regimazione delle acque. (Fonte Anas)

La Statale 36 è una delle strade più trafficate del Nord Italia, escluse le autostrade e tangenziali naturalmente. Si è calcolato che sulla Milano – Lecco all’altezza del lago transitano 3.300 veicoli all’ora. Ogni giorno, tra auto e camion, oltre 72.000 mezzi.

Il commento su Facebook di un lettore di Varesenews:

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 14 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.