Da Varese a Busto Arsizio si protesta contro la chiusura delle scuole

Tante le persone che domenica hanno partecipato alle manifestazioni per la riapertura al più presto delle scuole in tutta la provincia

La manifestazione per la riapertura della scuola a Tradate

Varese, Busto, Saronno e Tradate. Sono state tante in tutta la provincia le famiglie che nel pomeriggio di domenica 21 marzo si sono date appuntamento per manifestare contro la chiusura delle scuole.

Galleria fotografica

La manifestazione per le scuole aperte a Busto Arsizio 4 di 30

Varese

A Varese la protesta lanciata dal comitato “Prima a scuola!” si è tenuta ai Giardini estensi. Gli scalini di fronte alla fontana sono diventati il palco per mamme, papà, insegnanti, ma soprattutto tanti bambini che hanno voluto far sentire la propria voce e chiedere un ritorno immediato sui banchi di scuola.

«Chiediamo – afferma Silvia Vitiello, una delle organizzatrici della manifestazione di Varese – che le scuole riaprano subito. La scuola è già un posto sicuro, probabilmente più sicuro di molti altri luoghi pubblici. Sono stati dimostrati gli effetti dannosi che la chiusura delle scuole e la didattica a distanza provoca ai più giovani. L’essere umano è fatto per imparare dalla relazione con le altre persone non di fronte a uno schermo».

Anche il sindaco di Varese Davide Galimberti ha partecipato alla manifestazione. «Condivido – commenta Galimberti – lo spirito di tanti genitori e dei ragazzi che vogliono tornare a scuola dopo un anno di interruzioni. Ci sono le condizioni per riaprire le scuole soprattutto se la campagna vaccinale faccia un cambio di passo decisivo. È necessario dare a tutte queste persone risposte certe, affinché ciascuno studente torni il prima possibile in aula».

L’evento si è svolto entro i limiti delle normative anti Covid. Oltre all’obbligo di indossare la mascherina, a ogni famiglia è stato assegnato uno spazio segnalato da una bandierina bianca in modo da garantire il distanziamento. Durante la manifestazione la polizia ha vigilato sul rispetto delle precauzioni.

Alla manifestazione hanno partecipato famiglie di Varese, Sumirago, Malnate, Luino, Gorla Minore, Viggiù, Cantello, Sesto Calende, Vergiate e altri comuni del Varesotto. Altre manifestazioni si sono svolte domenica pomeriggio anche in altri centri della provincia, sulla scia della mobilitazione nazionale lanciata da “Scuole aperte“.

Tradate

Buona partecipazione anche a Tradate. Qui la manifestazione (che è iniziata e si è chiusa col suono della campanella) ha riunito circa 150 persone lungo via Gramsci, dove sorgono i tre istituti Montale, don Milani e Geymonat.  «Tutte le famiglie – raccontano gli organizzatori – hanno partecipato con diligenza e rispetto dei posti assegnati. Abbiamo letto il comunicato e sono intervenuti anche genitori, insegnanti e alcune studentesse».

Busto Arsizio

Un’ottantina invece le famiglie che hanno manifestato a Busto Arsizio. Nel pomeriggio hanno parlato un nonno, delle educatrici e alcuni bambini. All’incontro ha partecipato anche il sindaco Emanuele Antonelli. In una fase successiva, ogni famiglia che ha aderito all’iniziativa, invierà al sindaco di Busto e al ministro dell’Istruzione una lettera con la richiesta di riaprire le scuole.

Saronno

Anche a Saronno genitori, studenti e insegnanti in piazza contro la Dad

 

Alessandro Guglielmi
aleguglielmi97@gmail.com

 

Sostenere VareseNews vuol dire sostenere l'informazione "della porta accanto". Quell'informazione che sa quanto sia importante conoscere e ascoltare il territorio e le persone che lo vivono.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Marzo 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La manifestazione per le scuole aperte a Busto Arsizio 4 di 30

Galleria fotografica

La manifestazione per la riapertura della scuola a Tradate 4 di 12

Galleria fotografica

A Varese la manifestazione contro la chiusura delle scuole 4 di 7

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.