Giovani e preparate: chi sono le ostetriche della provincia di Varese

In occasione della giornata internazionale, l’Ordine delle Ostetriche della Provincia di Varese ha stilato la fotografia delle professioniste nel territorio: la fascia di età più rappresentata è quella compresa tra i 22 e i 39 anni e il 25% delle professioniste possiede titoli di laurea magistrale

ostetrica

Il 5 maggio si celebra la Giornata Internazionale dell’Ostetrica. L’edizione 2021 ha come tema “Follow the data: invest in Midwives”, slogan significativo poiché si è valutato che l’intervento dell’ostetrica, nel promuovere e sostenere la salute della donna in tutte la fasi del ciclo vitale ed anche durante l’evento nascita, può cambiare l’outcome della salute di genere.

La criticità pandemica ha influito sulla pianificazione dei percorsi diagnostici, terapeutici ed assistenziali nell’area ostetrica, ginecologica e neonatale, ma non ha ostacolato l’impegno, la dedizione e la resilienza dell’ostetrica, che continua ad applicare le proprie competenze nell’educazione sessuale, nella promozione della fertilità, accompagnando la donna nei percorsi assistenziali della procreazione medicalmente assistita, nel promuovere una procreazione responsabile, nel prendersi cura del percorso nascita a basso rischio, portando a termine parti eutocici e collaborando con altri professionisti in caso di deviazioni del percorso fisiologico.

L’ostetrica spende la propria professionalità nell’assistenza alla donna affetta da patologia dell’apparato genitale e delle ghiandole annesse , e nel corso di questa emergenza sanitaria è attiva anche nella “care “delle donne affette dalla patologia Covid-19.
L’ostetrica svolge la professione in strutture sanitarie pubbliche, private convenzionate, in case maternità e a domicilio, in regime di dipendenza o libero professionale, nel sostegno della diade madre-bambino, a supporto della donna e della famiglia, basandosi sulle raccomandazioni delle linee guida nazionali e internazionali.

Da un’indagine conoscitiva, effettuata dall’Ordine delle Ostetriche della Provincia di Varese e dalle Laureande del Corso di Studi in Ostetricia dell’Università dell’Insubria, volta a valutare lo stato occupazionale delle ostetriche nella nostra Provincia, ha evidenziato che la fascia di età più rappresentata è quella compresa tra i 22 e i 39 anni e che il 25% delle professioniste possiede titoli di laurea magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche e Master di I livello, che le ostetriche nel nostro territorio sono occupate per il 65% nel Servizio Sanitario Nazionale presso ospedali pubblici e consultori , il 10% esercita la libera professione in studi associati, Casa Maternità e Ambulatori privati, il 14% è impiegato in strutture private.
Dai dati ottenuti dall’indagine si evince che il tempo che intercorre dalla laurea all’occupazione è superiore a un anno, e che l’ambito occupazionale delle ostetriche è poco rappresentato nei nidi e nei reparti di ginecologia (23 e 20%), nonostante siano di loro competenza.

Dall’indagine svolta emerge quanto sia importante investire nella ricerca e nella formazione ostetrica, si evidenzia l’importanza del contributo di queste professioniste/i in tutti i setting previsti dal Profilo Professionale.
L’intento della Federazione Nazionale e dell’Ordine delle Ostetriche è quello di rinnovare e sostenere sempre più il valore sociale le potenzialità della professione ostetrica, entrambi si prefiggono in futuro di realizzare una partnership per la “Care” ostetrica nella politica socio- sanitaria.”

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.