Ritrovata a Como l’auto di Riccardo Giuliani, scomparso da Busto Arsizio

Aggiornamento della trasmissione "Chi l'ha visto" che sta seguendo il caso del 35enne di Busto Arsizio scomparso dallo scorso 25 aprile. Ritrovati i suoi effetti personali ma di lui nessuna traccia

Generica 2020

Nella giornata di ieri è stata ritrovata a Como l’auto di Riccardo Giuliani, il 35enne di Busto Arsizio scomparso il 24 aprile scorso. Una troupe di “Chi l’ha visto” è arrivata sul posto per mostrare le operazioni di rimozione dell’auto e l’inviato della nota trasmissione televisiva che si occupa di scomparsi, ha raccontato che all’interno della vettura sono stati ritrovati gli effetti personali del ragazzo.

Generica 2020

Il ritrovamento si è reso possibile proprio grazie ad un telespettatore della trasmissione che ha avvisato i Carabinieri che ora stanno cercando altre tracce in un boschetto vicino al luogo in cui da diversi giorni era parcheggiata la vettura. Nei giorni scorsi il padre era comparso in tv proprio per lanciare un appello al ragazzo che non dà notizie di sè da tre settimane.

A “Chi l’ha visto?” l’appello per ritrovare Riccardo scomparso da Busto Arsizio

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 14 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.