Due donne arrestate per rapina a Busto Arsizio

Due donne, rispettivamente di 31 e 21 anni, intenzionate a impossessarsi di merce sottratta a punti vendita della zona, l’attività è stata bruscamente interrotta quando sono state fermate dalla Polizia di Stato

Polizia di Stato generica

La Polizia di Stato di Busto Arsizio, nel pomeriggio di domenica 13, in Viale Duca d’Aosta ha arrestato due donne rom, rispettivamente di 31 e 21 anni, che stavano rubando merce in diversi punti vendita della zona: l a loro attività è stata bruscamente interrotta quando sono state fermate dalla Polizia di Stato all’uscita dei un supermarket di viale Duca D’Aosta a Busto Arsizio.

Verso le 16.30 le due donne, una delle quali spingeva un passeggino con un bambino di poco più di un anno, sono entrate nel supermercato pagando poi merce per un valore di pochi euro.  Oltrepassate le casse, l’addetto alla sicurezza ha chiesto loro di mostrare il contenuto delle borse sotto il passeggino, senza essere ascoltato.

Le donne al contrario hanno messo in atto una strategia di fuga: mentre la più giovane si allontanava per riporre il figlioletto nell’autovettura parcheggiata lì vicino, la seconda ha aggredito un vigilante venendo raggiunta poco dopo, per ricevere man forte, dalla complice.

Questa, sentite le sirene delle pattuglie del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio in arrivo, è tornata velocemente sui propri passi salendo sulla sua auto e dandosi alla fuga a velocità sostenuta, tallonata da una delle due macchine e successivamente intercettata da una volante del Commissariato di Gallarate arrivata in aiuto.

Così, mentre la trentunenne veniva bloccata durante l’aggressione all’addetto alla sicurezza, la seconda è stata raggiunta nel momento in cui tentava di occultare l’autovettura in una stradina secondaria. Fatta scendere dall’auto, la donna, mani in alto, ha avvisato che a bordo dell’auto c’era il figlio. La precipitosa fuga e le manovre improvvise hanno spaventato il bambino che, subito preso in braccia da un agente, è stato tranquillizzato.

Un controllo del mezzo ha permesso di ritrovare nel bagagliaio numerosi capi di abbigliamento con etichette di un noto Store della moda, per un valore di oltre 350 euro, mentre nelle borse sotto il passeggino notate originariamente dall’addetto alla sicurezza del supermarket è stata trovata merce per un valore di circa 130 euro.

Si è poi risaliti all’origine dei capi occultati nell’autovettura, rubati poco prima ad uno Store della moda di Somma Lombardo e prontamente restituiti. Le due donne e il bambino sono stati accompagnati negli uffici del Commissariato di Busto Arsizio dove, d’intesa con il PM di turno e sentito quello dei Minorenni di Milano, le due donne sono state arrestate. In attesa dell’udienza di convalida, la trentunenne, con diversi precedenti per reati contro il patrimonio, è stata portata in carcere mentre la ventunenne, vista la necessità di accudire il figlio, è stata messa agli arresti domiciliari.

A causa dell’aggressione, l’addetto alla sicurezza è stato costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso venendo poi dimesso con una prognosi di 5 giorni per traumi vari agli arti.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 14 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.